Così la leader dei metalmeccanici della Cgil che sull’incontro privato tra Di Maio e ArcelorMittal afferma:” l’Ilva non è una questione privata” ArcelorMittal, Re David (Fiom), adesione sciopero al 75%

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
2021 2223 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ACCIAIO

ArcelorMittal, Re David (Fiom), adesione sciopero al 75%


Correlati

“Lo sciopero di 24 ore allo stabilimento ArcelorMittal, ex llva, di Taranto sta vedendo un'altissima partecipazione dei lavoratori, con circa il 75 per cento di adesioni e impianti completamente fermi. Il dato conferma il grado di rappresentanza e di rappresentatività delle organizzazioni sindacali all'interno dello stabilimento ex Ilva di Taranto”. Lo dichiara in una nota Francesca Re David, segretaria generale Fiom-Cgil.

“A partire da questo dato, il Governo e ArcelorMittal ripensino la qualità del sistema di relazioni industriali che ha segnato questi primi mesi di presenza della multinazionale e che ha bisogno di una netta discontinuità rispetto al passato”.

“Di tale esigenza ne è conferma l'atteggiamento che ArcelorMittal e il Governo hanno deciso di tenere al termine dell'incontro odierno. A nessuno sfuggono i comprensibili elementi di riservatezza. Tutto ciò non può, però, legittimare un atteggiamento che sostanzialmente consegna una vicenda di straordinaria rilevanza pubblica e sociale al silenzio dei protagonisti dell'incontro di oggi: il destino dell'ex Ilva non è una questione privata”.

“Tanto più che l'incontro precede di 5 giorni la riunione del tavolo di monitoraggio al Mise, a cui le organizzazioni sindacali non intendono svolgere un ruolo di meri osservatori”.

“Ci aspettiamo che l'incontro del 9 luglio consenta di affrontare i nodi veri ed irrisolti riguardanti il piano industriale, il risanamento ambientale e l'occupazione, alla luce delle vicende di queste settimane, a partire dal ricorso alla cassa integrazione e dalla normativa contenuta nel DL Crescita. Ricordiamo, infatti, che è stata già avviata la cassa integrazione nello stabilimento di Taranto e che l'utilizzo delle ferie forzate negli stabilimenti di Genova e Novi Ligure rappresenta un segnale preoccupante che potrebbe portare all'estensione della cassa integrazione”.

TN


04 Luglio 2019
Powered by Adon