Sono queste le previsioni elaborate da Ifo, Kof e Istat nello Eurozone Economic Outlook (Ezeo). Prevista inoltre una flessione della produzione industriale Nel II trimestre atteso un rallentamento del Pil nella zona euro

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
2021 2223 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ECONOMIA

Nel II trimestre atteso un rallentamento del Pil nella zona euro


Secondo le previsioni elaborate da Ifo, Kof e Istat nello Eurozone Economic Outlook (Ezeo), il Pil dell`area dell`euro è atteso rallentare nel secondo trimestre, condizionato dalla prevista flessione della produzione industriale, mentre nei trimestri successivi si registrerebbe un lieve recupero (+0,4% nel terzo e nel quarto). Lo ha reso noto l'Istat.

A giugno, l`Economic Sentiment Indicator (Esi) per l`area dell`euro, elaborato dalla Commissione europea, è diminuito dopo il rialzo di maggio. La media tra aprile e giugno è risultata in calo di 2,9 punti rispetto ai tre mesi precedenti. La flessione ha interessato tutti i maggiori paesi dell`eurozona (Germania -2;9, Italia -1;5, Francia -1,0 e Spagna -0,6). Nel dettaglio settoriale, la fiducia è scesa nel manifatturiero e nei servizi, pur continuando a oscillare attorno alla media storica, mentre è salita nelle costruzioni e nel commercio.

Nello stesso mese, l`indicatore anticipatore €-coin è tornato a diminuire, raggiungendo il livello più basso dal dicembre 2014.

La lettura negativa ha scontato il rallentamento del commercio mondiale, la debolezza del ciclo industriale e il connesso peggioramento della fiducia delle imprese.

Lo scorso mese, il tasso di cambio dell`euro nei confronti del dollaro si è apprezzato marginalmente, attestandosi in media a 1,13 dollari per euro da 1,12 di maggio. Nello stesso periodo, il prezzo del petrolio Brent è sceso a 63,6 dollari al barile (71,2 dollari il mese precedente) coerentemente con l`indebolimento della fase ciclica e delle prospettive di crescita in presenza di un eccesso di offerta.

TN


05 Luglio 2019
Powered by Adon