Si dice che circa il 15% di lavoratori non sia coperto da un contratto nazionale di lavoro. In realtà, dopo lunga indagine, ho trovato una sola categoria per la quale non esiste un Ccnl. Ecco quale. Salario minimo, ma per chi?

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345 6
7 8910111213
141516171819 20
21222324252627
28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica
Presidente Associazione Professione in Famiglia

Salario minimo, ma per chi?


Si seguita a motivare l’esigenza di un intervento legislativo con la tesi che un 15% dei lavoratori italiani sarebbe privo di un Contratto Nazionale di Lavoro. In una riunione del 2 luglio scorso ho sentito sparare perfino 20%.

Ho cercato di indagare e a parte i soliti Rider, tuttavia coperti dal Contratto logistica che i padroni evidentemente non rispettano, ho trovato una sola categoria per la quale non esiste un Contratto Nazionale di Lavoro. Si tratta dei dipendenti dagli Studi professionali non ordinistici regolamentati dalla Legge n. 4 del 2013.

Il 2 luglio scorso si è svolta a Roma l’Assemblea annua di Confassociazioni (la sesta edizione dalla nascita). La più importante tra le Associazioni della categoria come si ricava dalla relazione del Presidente Angelo Deiana : “Siamo fatti di 431 associazioni, più di 770mila professionisti iscritti, di cui circa 135mila imprese con 4,7 dipendenti medi.”  Grande partecipazione alla  assemblea con tutte le forze politiche a osannare la bontà dell’associazione e delle sue proposte dal titolo “RILANCIARE L’ITALIA FACENDO COSE SEMPLICI”.  Stanno anche in un libro che è stato molto apprezzato.

In passato si è tentato di risolvere il problema estendendo alla categoria il Contratto degli studi professionali ordinistici stipulato da Confprofessioni con Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil. Pare che una parte delle categorie ordinistiche  non vogliano, anche per ragioni di “rango”, mescolarsi con un mondo fatto sì di attività e imprese importanti (come per esempio i tributaristi), ma anche di tante piccole entità di standard a loro dire non assimilabile.

D’altra parte, i sindacati si sono tirati indietro dall’idea di stipulare un Contratto specifico ritenendo applicabile di fatto a tutti quello firmato con Confprofessioni.

Il racconto può essere sommario e incompleto, ma la storia è corrispondente al vero.

Se questa è la realtà delle cose (cioè una sola categoria senza contratto) a cosa serve una Legge sul salario minimo se non a picconare il sistema contrattuale vigente?

Aldo Amoretti


05 Luglio 2019
Powered by Adon