È quanto ha detto il segretario generale della Cgil intervenendo alla conferenza organizzativa della Cisl Landini (Cgil), mai vista una situazione di precarietà così elevata

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345 6
7 8910111213
141516171819 20
21222324252627
28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LAVORO

Landini (Cgil), mai vista una situazione di precarietà così elevata


"Veniamo da mesi di mobilitazione fatta insieme, scelto di costruire delle proposte partendo dal merito e assumendoci responsabilità insieme, avanzando proposte che indicano un'idea di Paese. C'è un punto su cui ragionare: è necessario avere più occasioni confronto. Una situazione così difficile di frantumazione e precarietà e divisione nel mondo del lavoro non l'ho mai vista. Con livello competizione altissimo, che genera paura e diffidenza". Così il leader della Cgil, Maurizio Landini, intervenendo alla conferenza organizzativa della Cisl.

"A noi pone il tema, tutti assieme, di ripristinare un principio di fondo: tutti devono avere gli stessi diritti e tutele - ha detto - tutte le politiche devono partire da questo punto.

Abbiamo tutti il problema di parlare a chi non si è mai iscritto al sindacato. Bisogna mettere al centro il lavoro e i diritti.

Cito quattro parole: lavoro e dignità, non può esistere che pur di lavorare uno deve accettare qualsiasi condizione; solidarietà, è un elemento che si costruisce e rimetterla al centro è un modo di combattere un ritorno all'indietro; responsabilità, siamo in una fase in cui non possiamo più delegare a nessuno, è il momento in cui ognuno nel suo ruolo deve assumersi la responsabilità di ciò che dice e fa; contrattazione, se non unifichiamo noi la rappresentanza rischia di passare un'altra idea non solo legislativa. L'unità non annulla le diversità, ma è il valore aggiunto".

TN


09 Luglio 2019
Powered by Adon