E' morto lo scrittore Andrea Camilleri, ricoverato dallo scorso 17 giugno all'ospedale Santo Spirito di Roma. Aveva 93 anni. Addio Maestro Camilleri, sii felice ora e per sempre

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123456 7
8 9 10 111213 14
15 1617 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

CULTURA

Addio Maestro Camilleri, sii felice ora e per sempre


Correlati

© Fondazione Musica per Roma /foto Musacchio, Ianniello & Pasqualini


Avrebbe dovuto debuttare il 15 luglio all'arena di Caracalla con il suo monologo su Caino, un'altra prova di talento dopo il magnifico Tiresia di Siracusa, Andrea Camilleri, morto questa mattina a 93 anni, all'ospedale Santo Spirito di Roma, dove era ricoverato ormai dal 17 giugno. Recentemente aveva detto: ''moriro' quando non potro' piu' scrivere''.

La notizia, fredda nella sua ufficialita', e' in una nota firmata dalla ASL Roma 1, la stessa che per alcuni giorni dopo il ricovero aveva diffuso bollettini medici tutt'altro che rassicuranti e che oggi, a un mese esatto, comunica che "con profondo cordoglio alle ore 08.20 del 17 luglio 2019 presso l`Ospedale Santo Spirito è deceduto lo scrittore Andrea Camilleri. Le condizioni sempre critiche di questi giorni si sono aggravate nelle ultime ore compromettendo le funzioni vitali. Per volontà del Maestro e della famiglia le esequie saranno riservate. Verrà reso noto dove portare un ultimo omaggio".

Camileri e' stato, e restera', uno dei piu' amati scrittori italiani, un intellettuale umano e profondo, anche per le sue prese di posizione decise, spesso ironicamente polemiche, ma sempre a favore dei deboli e degli ''ultimi''. Del suo senso di giustizia sono peraltro pervasi tutti i suoi romanzi, a partire dalla serie famosissima del commissario Montalbano. Ma ogni suo intervento pubblico ha lasciato tracce e insegnamenti. Come nell'appuntamento prezioso che per lungo tempo ha mantenuto con il festival letterario romano Libri Come, l'ultimo la primavera dello scorso anno, quando intervistato sul palco dell'Auditorium di Roma da Marino Sinibaldi ha rivelato la sua personale ricettta della felicita': "la felicita' per me non ha motivazioni, è fatta di cose ridicole.Felicita' e' la soddisfazione per aver raggiunto la meta''. Sii felice, Maestro Camilleri, oggi e per sempre.

Il diario del lavoro


17 Luglio 2019
Powered by Adon