I lavoratori dei trasporti saranno in sciopero a Roma, nel Lazio e in tutto il territorio nazionale domani per tutti i settori e il 26 luglio per il comparto aereo. Cgil Lazio: Regione e Comune facciano la loro parte Cgil Lazio, domani sciopero dei trasporti, Istituzioni passino da parole a fatti

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

TRASPORTI

Cgil Lazio, domani sciopero dei trasporti, Istituzioni passino da parole a fatti


"I lavoratori dei trasporti saranno in sciopero a Roma, nel Lazio e in tutto il territorio nazionale domani per tutti i settori e il 26 luglio per il comparto aereo. Lo sciopero è stato indetto da Filt Cgil, Fit Cisl e Uil Trasporti che si ritroveranno, a partire dalle ore 10, al sit-in organizzato davanti al Ministero delle Infrastruttutre e Trasporti". Così, in una nota, la Cgil di Roma e del Lazio.

“Rimettiamo in moto il Paese' - continua la nota - è la richiesta avanzata dalle segreterie nazionali dei trasporti per una politica che punti al rafforzamento delle infrastrutture e dell'intermodalità, nonché' a maggiori investimenti, occupazione, sicurezza e a regole chiare contro la contrazione salariale. Molte realtà grandi e piccole sono in sofferenza e il settore dei trasporti ne risente in modo drammatico. A Roma e nel Lazio i 134mila addetti del settore (circa 12800 nelle attività ferroviarie, circa 20.000 nel tpl, circa 45mila nel trasporto aereo, circa 3mila tra portuali e marittimi, circa 50mila tra merci, trasporto privato e taxi) chiedono che si passi dalle parole ai fatti e che le promesse, a tutti i livelli, diventino cantieri, diritti, posti di lavoro e condizioni di trasporto migliori per tutti i pendolari.


Chiediamo che Regione e Comune facciano la loro parte. Il progetto di investimenti costruito dalla Regione Lazio con Ferrovie dello Stato è sicuramente una scelta importante che va nella giusta direzione ma servono altri investimenti ed è necessario che la Regione rivesta un ruolo di raccordo tra tutti i soggetti in campo a partire dagli enti locali. Il Pums della città di Roma, che sta proseguendo il suo iter di approvazione, è un inizio dopo anni di attesa, ma il rischio che si tratti ancora di parole vuote è grande: è indispensabile riprendere il confronto con tutte le parti in causa e impegnare i fondi con un cronoprogramma dettagliato che trasformi i progetti in opere, riaprendo i tavoli di 'Fabbrica Roma'".

e.g.


23 Luglio 2019
Powered by Adon