L’incontro si è svolto presso il ministero del Lavoro e ha visto la partecipazione del sottosegretario Claudio Durigon, di Fieg, Aeranti Corallo, Uspi e, per la parte giornalistica, Federazione nazionale della Stampa italiana, Inpgi e Ordine dei Giornalisti Fnsi, al via il tavolo sui temi del lavoro e della previdenza

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3
45 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 2829 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

EDITORIA

Fnsi, al via il tavolo sui temi del lavoro e della previdenza


Si è tenuto ieri, nella sede del ministero del Lavoro, il tavolo su lavoro e previdenza nel settore dell'editoria convocato dal sottosegretario Claudio Durigon. Presenti Fieg, Aeranti Corallo, Uspi e, per la parte giornalistica, Federazione nazionale della Stampa italiana, Inpgi e Ordine dei Giornalisti. Il sottosegretario Durigon ha ribadito la necessità di rilanciare il settore, favorire la ripresa dell'occupazione, contrastare il lavoro precario e sostenere la tenuta dell'Inpgi. Per questo, ha invitato le parti a formulare proposte che possano essere recepite in provvedimenti legislativi.

Tutte le parti hanno manifestato la disponibilità ad affrontare tutti i temi, a condizione che – a differenza che in altri tavoli – la discussione avvenga senza pregiudiziali. Il sottosegretario Durigon e i rappresentanti di editori e giornalisti torneranno a vedersi in settimana per entrare nel merito dei singoli punti.

«Il tavolo di confronto sulla crisi occupazionale dell'editoria che si è svolto questo pomeriggio ha posto le prime basi per stabilizzare e migliorare la situazione dei giornalisti». ha dichiarato il sottosegretario Durigon al termine dell'incontro.

«Primi passi importanti – ha aggiunto – per superare lo stato di crisi che investe il mondo dell'editoria e quello del giornalismo. Settori fondamentali che non possono essere trascurati e abbandonati come invece, purtroppo, è accaduto con i governi precedenti».

TN


30 Luglio 2019
Powered by Adon