Lo rende noto l’istituto di statistica Istat, a giugno produzione in calo dell’1,2%

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
2021 2223 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

INDUSTRIA

Istat, a giugno produzione in calo dell’1,2%


Correlati

A giugno l'Istat stima che l'indice destagionalizzato della produzione industriale diminuisca dello 0,2% rispetto a maggio. Nella media del secondo trimestre il livello destagionalizzato della produzione diminuisce dello 0,7% rispetto al trimestre precedente.

L'indice destagionalizzato mensile mostra un aumento congiunturale solo per l'energia (+2,4%); diminuzioni si registrano, invece, per i beni di consumo (-0,7%), i beni intermedi (-0,6%) e, in misura più lieve, per i beni strumentali (-0,1%).

Corretto per gli effetti di calendario, a giugno 2019 l'indice complessivo è diminuito in termini tendenziali dell'1,2% (i giorni lavorativi sono stati 20, contro i 21 di giugno 2018).

Gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano a giugno 2019 un'accentuata crescita tendenziale esclusivamente per l'energia (+3,4%); al contrario, diminuzioni contraddistinguono i beni intermedi (-2,8%) e, in misura più contenuta, i beni strumentali (-1,7%) e i beni di consumo (-0,1%).

I settori di attività economica che registrano la maggiore crescita tendenziale sono la produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+6,0%), la fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (+5,3%) e le altre industrie (+4,6%). Le flessioni più ampie si registrano nella fabbricazione di mezzi di trasporto (-7,6%), nelle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-7,1%) e nelle attività estrattive (-5,6%).

"La contenuta flessione congiunturale registrata per il mese di giugno segue il più ampio incremento di maggio - commenta l'Istat -. Nel secondo trimestre dell'anno si rileva una flessione congiunturale (-0,7%) di entità solo di poco inferiore alla crescita del primo trimestre (+1,0%)".

"L'ampliarsi della dinamica negativa in termini tendenziali passando dal primo (-0,6%) al secondo trimestre (-1,1%) determina nei primi sei mesi dell'anno, e al netto degli effetti di calendario, una contrazione della produzione industriale (-0,8%), che è più marcata per il solo comparto manifatturiero (-1,2%) - conclude -. La flessione nella manifattura è diffusa a livello settoriale".

TN


02 Agosto 2019
Powered by Adon