Questo il pacchetto messo sul piatto da Mario Draghi nella penultima riunione del direttorio sotto la sua guida Bce, blocco dei tassi e riavvio del Quantitative easing

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ECONOMIA

Bce, blocco dei tassi e riavvio del Quantitative easing


La penultima decisiva riunione del direttorio Bce sotto la presidenza Draghi non ha deluso le attese, anzi: l'istituzione monetaria ha varato un ampio e consistente pacchetto di stimoli all'economia. Soprattutto ha subito riavviato il programma di acquisti di titoli di Stato, il Quantitative easing, che da novembre ripartirà al ritmo di 20 miliardi di euro al mese. E con uno schema aperto per la sua conclusione, dato che al momento è previsto durate "fin quando necessario, per rafforzare l'impatto accomodante dei tassi" e concludersi "poco prima" che l'istituzione inizi ad alzare i tassi.

La Bce ha poi tagliato, come ampiamente atteso, di 10 punti base il tasso di interesse sui depositi che le banche commerciali parcheggiano presso la stessa istituzione, che da livelli già negativi calerà così al meno 0,50 per cento. Confermato invece a zero il tasso sulle principali operazioni di rifinanziamento nell'area euro e allo 0,25 quello sulle operazioni marginali, livelli che ora aggancia esplicitamente a una consistente risalita delle prospettive di inflazione a livelli "sufficientemente vicini2 al 2 per cento.

La Bce ha introdotto misure di salvaguardia a favore delle banche dalle ricadute negative dei tassi ultra bassi sui depositi: parte dell'eccesso di liquidità degli istituti verrà infatti esentato da questi tassi negativi. Infine, nell'ambito dei nuovi maxi rifinanziamenti agevolati a favore delle banche, i Tltro, ha nuovamente previsto che parte di questi prestiti possano essere erogati a tassi negativi, fino a quello dei depositi, per le banche che mostrino di erogare prestiti all'economia reale oltre un certo livello.

L'euro ha reagito agli annunci con un repentino calo sotto quota 1,10 dollari. Ora, a fornire dettagli e spiegazioni sulle varie decisioni sarà il presidente Mario Draghi nella conferenza stampa delle 14 e 30.

TN


12 Settembre 2019
Powered by Adon