Segretario generale della Uil dal 1969 al 1976 (fino al 1971 nel "triumvirato" insieme a Ravecca e Ravenna), Vanni fu uno dei padri fondatori del sindacato di via Lucullo Uil: è morto Raffaele Vanni, padre fondatore

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

UIL

Uil: è morto Raffaele Vanni, padre fondatore


È morto, sabato 14 settembre, Raffaele Vanni e "per tutta la Uil è un grande dolore". Lo afferma il segretario generale Carmelo Barbagallo, sottolineando che "il Paese perde un protagonista della sua storia sociale e politica, che con la sua lungimiranza e modernità di pensiero contribuì a delineare le prospettive del ruolo e della funzione del movimento sindacale".

Segretario generale della Uil dal 1969 al 1976 (fino al 1971 nel "triumvirato" insieme a Ravecca e Ravenna), Vanni fu uno dei padri fondatori del sindacato di via Lucullo. Ancora giovanissimo, il 5 marzo del 1950 partecipò alla riunione che diede vita al "sindacato laico e riformista del nostro paese, uno degli eredi diretti della storica esperienza sindacale unitaria prebellica".

Vanni è stato anche presidente del Comitato economico e sociale della Comunità Europea e ha avuto incarichi di vertice nella categoria della Uiltucs. Era anche il decano del Cnel, di cui ha fatto parte fin dalla sua fondazione. "Mancherà a tutti noi - aggiunge Barbagallo - la nostra organizzazione ne perpetuerà, per sempre, la sua memoria e il suo insegnamento".

E.G.


16 Settembre 2019
Powered by Adon