Il segretario generale della Fit-Cisl sottolinea come ad oggi non è stato possibile apprendere i contenuti del piano industriale Alitalia, Pellecchia (Fit-Cisl): il tempo sta scadendo, aprire un confronto sul piano industriale

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

TRASPORTO AEREO

Alitalia, Pellecchia (Fit-Cisl): il tempo sta scadendo, aprire un confronto sul piano industriale


“Alitalia è paragonabile a un’automobile che sta girando con l’alternatore in avaria e quindi con la batteria che non viene ricaricata. Nessuno ci dice quanta autonomia ha al momento questa azienda”, così dichiara Salvatore Pellecchia, Segretario generale della Fit-Cisl, a valle dell’incontro di oggi al Ministero dello Sviluppo economico.

“Il tempo sta scadendo - prosegue Pellecchia - il 15 ottobre, termine dell’ennesima proroga, è vicino.

È giunto il momento di aprire il confronto sul piano industriale che dovrà rilanciare la compagnia : ad oggi non abbiamo avuto modo di apprenderne i contenuti, abbiamo solo notizie dai mass media su presunte strategie e azioni che vedrebbero un ulteriore ridimensionamento di Alitalia su scala mondiale con conseguenti riduzione di personale. È necessario aprire un confronto urgente su questo tema per conoscere, in primis, la posizione dei soggetti che stanno lavorando sul dossier a partire da quella di Delta e Atlantia. Se qualcuno pensa di attuare tattiche dilatorie per arrivare all’ultimo minuto con una “forzatura di firma” sappia che non ci sono le condizioni per un simile epilogo”.

Conclude il Segretario generale: “Ad oggi l’interesse di Atlantia sembra scarso, mentre Delta non sembra orientata a un accordo equilibrato sulle tratte redditizie. Il Governo deve intervenire in questo senso, in coerenza con quanto dichiarato dal Ministro Patuanelli, che cioè Alitalia è un asset strategico per l’economia italiana. Relativamente alla salvaguardia dei livelli occupazionali e di reddito delle lavoratrici e dei lavoratori dipendenti da Alitalia, pur apprezzando la serietà e la sincerità del Ministro che ha dichiarato che farà di tutto per garantire il maggior numero di occupati possibili, non possiamo condividerla perché fino al 3 luglio lo stesso ministero aveva dichiarato che non ci sarebbero stati esuberi”.

TN


18 Settembre 2019
Powered by Adon