All'Incontro con la Presidente di AMA Spa Luisa Melara, i sindacati di categoria hanno sottolineato come sul piano finanziario siano rimaste “tutte le nostre preoccupazioni” e aspettano una convocazione per discutere il piano in Campidoglio senza la quale, minacciano, “torneremo nelle piazze” Roma, sindacati: permangono preoccupazioni finanziarie su Ama

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
2021 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

RIFIUTI

Roma, sindacati: permangono preoccupazioni finanziarie su Ama


Si sono incontrati, questa mattina, il presidente di AMA Spa Luisa Melara e i Natale di Cola, Marino Masucci e Massimo Cicco, segretari generali di Fp Cgil, Fit-Cisl e Fiadel di Roma e Lazio. I sindacati hanno sottolineato, in una nota congiunta, che durante il tavolo di confronto hanno appreso “una cosa positiva” sul piano operativo, mentre sul piano finanziario “permangono tutte le nostre preoccupazioni: Il Cda sta predisponendo, e dovrebbe approvare domani, un piano operativo per normalizzare nel breve periodo l'azienda e quindi la città, con misure su raccolta e trattamento. Le prime anticipazioni vanno nella direzione che indichiamo da tempo: affrontare con misure straordinarie l'emergenza costante e progettare il futuro per rendere la Capitale indipendente".

"Adesso - aggiungono i sindacalisti - è la Sindaca Raggi a dover dimostrare che si può andare oltre la propaganda. Basta progetti faraonici e irrealizzabili. Bisogna affrontare con urgenza la quotidianità e prendere decisioni, visto che si sono già persi tre anni sulla progettazione e due sul bilancio, mentre si tentenna su assunzioni vitali per la qualità del servizio e la salute dei lavoratori".


"Aspettiamo una convocazione per discutere il piano in Campidoglio, senza la quale torneremo nelle piazze. Ma soprattutto, vista anche l'approvazione del collegio dei sindaci e il parere positivo della società di revisione - concludono Di Cola, Masucci e Cicco - adesso non ci sono più scuse. Si vuole dare un futuro ad AMA o la si sta portando volontariamente alla crisi?"

E.G.


24 Settembre 2019
Powered by Adon