Una ricetta in sette punti per rilanciare la crescita e garantire la sostenibilità dei conti pubblici. Le proposte al governo, in vista della stesura della manovra economica per il 2020, arrivano dal Centro Studi di Confindustria. Confindustria, la ricetta in 7 punti per rilanciare la crescita

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
2 3456 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 171819 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ECONOMIA

Confindustria, la ricetta in 7 punti per rilanciare la crescita


Correlati
Allegati

Una ricetta in sette punti per rilanciare la crescita e garantire la sostenibilità dei conti pubblici. Le proposte al governo, in vista della stesura della manovra economica per il 2020, arrivano dal Centro Studi di Confindustria.

Prima azione da intraprendere è il "sostegno agli investimenti privati", dando continuità alle misure fiscali che si sono rivelate efficaci, come il rifinanziamento dell`iper-ammortamento per le spese d`acquisto di beni strumentali incorporanti tecnologie digitali, cercando di allargarle a investimenti che favoriscono la transizione verso la sostenibilità.

Seconda misura, lo sblocco degli investimenti pubblici - proseguendo nell`azione di sblocco dei cantieri ancora fermi per spendere le risorse pubbliche che sono state stanziate, anche completando l`attuazione delle misure adottate recentemente (Decreto Sblocca-cantieri) ed eliminando gli altri ostacoli ancora esistenti.

Terzo punto, l`avvio di una riforma fiscale: nella direzione di un alleggerimento del carico fiscale, specie quello che grava sul lavoro, sia mettendo più soldi in tasca ai lavoratori, per favorire l`offerta di lavoro e i consumi, sia riducendo il costo del lavoro per le imprese, per aumentare la competitività e la domanda di lavoro.

Quarto suggerimento che arriva dagli economisti del Csc è un riordino delle aliquote Iva: nel caso si renda assolutamente necessario, per la tenuta dei conti pubblici e per evitare altre misure recessive, intervenire sull`attuale struttura dell`Iva, bisognerebbe finalizzare l`intervento sui singoli beni consumati prevalentemente dalle famiglie con redditi elevati, attenuando o comunque non aumentando l`incidenza dell`imposta sulle famiglie a basso reddito, che hanno tipicamente una maggiore propensione al consumo.

Quinto punto, l`introduzione di misure di contrasto all`evasione: in particolare con uno stimolo all`uso della moneta elettronica, scarsamente diffuso in Italia, da erogare attraverso la definizione di uno sconto fiscale a coloro che ne fanno ricorso; nell`ipotesi formulata dal Csc, si tratterebbe di un credito di imposta in percentuale del valore della transazione.

Sesta misura, l`acquisizione interamente a riduzione del deficit tendenziale dei risparmi derivanti dal minor utilizzo di "Quota 100" e dal Reddito di cittadinanza, per i quali sono state stanziate somme superiori a quanto si stima necessario sulla base delle domande pervenute, con risparmi oltre quelli ipotizzati dal governo nel Dl 4/2019 e accantonati come "economie di spesa".

Settima e ultima proposta, un riequilibrio della tassazione sulle rendite finanziarie, attraverso un aumento della tassazione dei proventi sui titoli di Stato, al fine di recuperare risorse da destinare a un piano per la formazione e l`inserimento lavorativo dei giovani.

E.G.


07 Ottobre 2019
Powered by Adon