La manovra del governo giallo-rosso "si profila la più restrittiva dai tempi del governo Letta". A sottolinearlo è il direttore del Centro Studi di Confindustria, Andrea Montanino, in occasione della presentazione degli Scenari Economici. Centro Studi Confindustria: manovra per il 2020 sarà la più restrittiva dai tempi di Letta

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
2021 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ECONOMIA

Centro Studi Confindustria: manovra per il 2020 sarà la più restrittiva dai tempi di Letta


Correlati
Allegati

La manovra del governo giallo-rosso "si profila la più restrittiva dai tempi del governo Letta". A sottolinearlo è il direttore del Centro Studi di Confindustria, Andrea Montanino, in occasione della presentazione degli Scenari Economici.

"Non è un giudizio negativo", ha spiegato Montanino aggiungendo: "la precedente legge di Bilancio aveva lasciato un'ipoteca forte sui conti pubblici. Il rapporto deficit Pil è vicino al 3% e per questo la manovra sarà restrittiva per 8 miliardi di euro senza considerare i 23,1 miliardi di clausole di salvaguardia. Non ci sono molte risorse per fare altro". Proprio sulle clausole di salvaguardia, secondo Montanino, è "ora di fare chiarezza. E' ora di risolverla definitivamente, vista la dimensione delle clausole di salvaguardia".

La parte di manovra che inciderà effettivamente sull'economia reale si otterrebbe escludendo i 23,1 miliardi necessari ad annullare la clausola di salvaguardia. In questo caso il deficit tendenziale sarebbe il 2,7% del Pil e, per portarlo all'obiettivo del 2,2% serve una manovra netta restrittiva per 0,5 punti di Pil, circa 8 miliardi di euro.

Inoltre, nonostante l’economia italiana sia ferma da più di un anno, i conti pubblici non ne stanno risentendo. Nelle previsioni economiche del Centro Studi di Confindustria il deficit Pil quest'anno scenderà all'1,8% mentre, senza aumento dell'Iva e delle accise, nel 2020 salirà al 2,4%.

Alcuni fattori, secondo gli economisti del Csc, hanno influito sui risultati di quest’anno, che "saranno ampiamente migliori di quanto indicato nel Documento di Economia e Finanza di aprile scorso (deficit/Pil al 2,4 per cento)". Questo permette di avere un deficit tendenziale per il 2020 che, anche senza aumento Iva, rimarrà sotto la soglia del 3 per cento del Pil.

Il miglioramento è dovuto alla positiva dinamica delle entrate tributarie, sostenute dall’aumento degli occupati e dai positivi effetti dell’estensione della fatturazione elettronica che ha generato un recupero di evasione quantificabile a fine anno in poco meno di 5 miliardi. Inoltre è legato all`aumento di altre entrate extra-tributarie e alla minore spesa per interessi che, rispetto a una situazione in cui i tassi fossero rimasti ai livelli della prima metà del 2019, porterà risparmi stimabili in 3 miliardi quest`anno e ulteriori 3,8 nel 2020.

Inoltre ad incidere sono i risparmi su Quota 100 e Reddito di cittadinanza che toccheranno i 2,6 miliardi di euro nel 2019 e i 3,4 miliardi nel 2020 e che sono legati al minor utilizzo degli strumenti rispetto a quanto previsto al momento della loro introduzione.

Il governo, nella Nadef, assume un quadro meno favorevole per il 2019 e più favorevole per il 2020 rispetto a quanto stimato dal Csc. Un tale profilo permetterebbe di realizzare un marginale miglioramento strutturale della finanza pubblica tra il 2019 e il 2020, ma andrà verificato alla luce delle stime di crescita economica e delle coperture, oggi ancora basate su ipotetici tagli e futuribili entrate. È probabile che vi saranno spese anticipate per la fine del’`anno.

E.G.


07 Ottobre 2019
Powered by Adon