La politica farebbe bene ad ascoltare chi rappresenta le famiglie e i loro dipendenti soprattutto a proposito di assistenza a persone non autosufficienti che avviene in larga misura utilizzando badanti. Le proposte cervellotiche di questi giorni nascono anche da questo non ascolto Badanti: torture in vista per le famiglie datori di lavoro

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
2021 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica
Presidente Associazione Professione in Famiglia

Badanti: torture in vista per le famiglie datori di lavoro


La politica farebbe bene ad ascoltare chi rappresenta le famiglie e i loro dipendenti soprattutto a proposito di assistenza a persone non autosufficienti che avviene in larga misura utilizzando badanti. Le proposte cervellotiche di questi giorni nascono anche da questo non ascolto. Imporre alle famiglie la funzione di sostituti d’imposta vuol dire gravarle di incombenze alle quali sono assolutamente impreparate, gravarle di ulteriori spese, spingerle ancor di più a preferire il nero. Le associazioni di rappresentanza farebbero bene a coalizzarsi che diversamente non le ascolta nessuno.

I modi per ottenere il pagamento dell’Irpef e liquidargli gli 80 Euro di Renzi ci sono dal momento che Inps conosce i loro redditi. Ma naturalmente possono funzionare solo per quelle in regola.

I soggetti non autosufficienti sono oltre tre milioni. Circa due milioni ricevono l'indennità di accompagnamento (517,84 Euro mensili). Istat prevede per il 2030 cinque milioni di soggetti non autosufficienti dei quali un milione untraottantacinquenni.

All'Inps  nel 2017 risultano assicurate 864.526 addetti stranieri (compresi badanti, colf e baby sitter) per il 78%, donne l'88%. Censis stima  altrettante persone in nero nel 2014. Per Fondazione Moressa il totale tutti compresi supera i due milioni (agosto 2019).

Per affrontare il nero una nostra proposta è la seguente: Deduzione dal reddito di tutta la spesa per badante, operatore di aiuto o collaborazioni similari con le necessarie rettifiche affinché non ci guadagnino  solo i redditi alti. Nostra opinione è che l’offerta di un vantaggio fiscale apprezzabile potrebbe indurre 350-400mila famiglie a regolarizzare rapporti sommersi. In un documento del Censis si stima “il risultato finale degli effetti diretti e indiretti pari a un costo per lo Stato di 72 milioni di euro”. Il Forum del terzo settore è meno ottimista e stima “un maggior esborso pubblico di circa 250 milioni di euro annui”. E prevede un aumento “al calcolo del PIL di almeno 0,30-0,40 punti percentuali, e al calcolo degli occupati per circa 2 punti percentuali.”

Occorre un Contratto di lavoro che sia di semplice applicazione e non generatore di litigiosità e vertenze alla fine del rapporto. E un sistema di bilateralità adeguato alle esigenze di lavoratori e datori di lavoro. Due titoli per esemplificare le nostre idee di innovazione contrattuale: la paga oraria conglobata per la Colf a ore; il part time per la badante. Per la Colf da poche ore si potrebbe avere un vaucher di facile gestione esclusivo per questo tipo di prestazione.

Abbiamo  regolamentato il rapporto di cococo per la figura definita”Operatore di aiuto”. E funziona con imprese, soprattutto cooperative,  che vendono il servizio alle famiglie sollevandole dall’incombenza di gestire rapporti di lavoro e assicurando qualità della prestazione.

Si riconosce l’utilità delle badanti? Occorre una sanatoria per le immigrate irregolari e la messa a punto di un sistema di reclutamento e formazione che sia praticabile, decente  tale da favorire la regolarità anche per fare fronte alla sempre più evidente scarsità di personale disponibile per questo lavoro. Il Presidente della comunità di Sant’Egidio ha dichiarato che mancano 50mila badanti.                                                                                                                                                           

Non solo le famiglie in parte preferiscono il nero, ma in troppi casi anche le lavoratrici. Quando si tratta di immigrate irregolari il nero è l’unica soluzione possibile alla faccia della severità delle sanzioni per le quali non si ha notizia di alcuna applicazione. Quando le lavoratrici, pur regolari, preferiscono il nero è per la convinzione (troppo spesso a ragione) che per loro i soldi versati all’Inps siano gettati al vento.  Si torni alla possibilità di incassare il versato a Inps quando si rimpatria nel paese di origine.

E si impari dal altri Paesi quali Francia e Germania. Non è il caso di inventare la ruota più di una volta.

Il 5 ottobre si è svolta l’Assemblea nazionale delle donne Cgil con il bel titolo “Belle ciao”; molti interventi ben congegnati; la parola badanti non l’ha detta nessuna/o.

Aldo Amoretti    Presidente associazione Professione in Famiglia


07 Ottobre 2019
Powered by Adon