Dagli ultimi dati Istat, nel 2018, in Italia, i Neet, cioè ragazzi che non studiano, non lavorano e non seguono alcun percorso di formazione, nella fascia d`età 15-29 anni sono pari a 2.116.000, rappresentando il 23,4% del totale dei giovani Unicef, Italia prima in Europa per numero di Neet, oltre 2 milioni

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2
345678 9
101112131415 16
17 1819 20 2122 23
24 25 26 27 28 29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

SOCIETÀ

Unicef, Italia prima in Europa per numero di Neet, oltre 2 milioni


Dagli ultimi dati Istat, nel 2018, in Italia, i Neet (Not in Education, Employment or training: Ragazzi che non studiano, non lavorano e non seguono alcun percorso di formazione, ndr) nella fascia d`età 15-29 anni sono pari a 2.116.000, rappresentando il 23,4% del totale dei giovani della stessa età presenti sul territorio. L`Italia continua a posizionarsi al primo posto nella graduatoria europea, seguita da Grecia (19,5%), Bulgaria (18,1%), Romania (17%) e Croazia (15,6%).

Invece i paesi con il tasso di NEET più contenuto sono: Paesi Bassi (5,7%), Svezia (7%), Malta (7,4%). La media europea è del 12,9%: questi i principali dati contenuti nella ricerca "Il silenzio dei NEET. Giovani in bilico tra rinuncia e desiderio", lanciato oggi nell`ambito del progetto NEET Equity, selezionato dal Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale nell`ambito dell`Avviso "Prevenzione e contrasto al disagio giovanile".

"Essere NEET, ovvero non studiare, non lavorare, né seguire percorsi di formazione è una condizione di disagio ed esclusione sociale, che priva i ragazzi e le ragazze di una possibilità di futuro, lasciandoli indietro. Utilizzando le parole di un testimone intervistato in questa ricerca, `il NEET è un indicatore di una qualità della vita insufficiente`.

Con questo progetto vogliamo migliorare la capacità di un territorio di fare sistema nel costruire politiche attive partecipate a favore dell`inclusione dei giovani NEET e valorizzare e dare forza alle potenzialità, spesso inespresse, che hanno tanti giovani in questa situazione", ha dichiarato il Presidente dell`UNICEF Italia Francesco Samengo.

Profilo dei NEET in Italia - Il 47% ha un`età compresa tra i 25-29 anni, il 38% tra i 20-24 anni e il restante 15% tra i 15-19 anni; la maggior parte ha conseguito il diploma di scuola secondaria superiore (49%), il 40% ha livelli di istruzione più bassi, l`11% sono laureati. Il 14,5% dei giovani NEET è straniero. Nel Nord Italia sono il 15,5% dei giovani, nel Centro il 19,5% e nel Sud si arriva al 34%. Il 41% è in cerca di prima di occupazione, il 19,5% è indisponibile (per i ¾ donne impegnate in attività accuditive/maternità, molte sono straniere); 25% in cerca di opportunità (in maggioranza maschi; alta la quota di under 20), 14,5% disimpegnati.

Distribuzione dei NEET in Italia: soprattutto in Sicilia (con un`incidenza del 38,6% sulla popolazione), Calabria (36,2%), Campania (35,9%), Puglia (30,5%) e Sardegna (27,5%). Lo studio - che si è avvalso di raccolta dati, focus group e interviste a 26 persone, tra insegnanti, referenti di enti, giovani NEET - ha mirato a conoscere meglio l`entità del fenomeno dei NEET sia nel contesto nazionale (con un confronto alla situazione europea) sia in quello di Napoli, Taranto e Carbonia, le tre città principali destinatarie del progetto: Napoli: si colloca al 10° posto su 107 province italiane con il più altro indice di NEET, con un`incidenza del 37,6% sulla popolazione cittadina giovanile; Taranto: si colloca al 19° posto su 107 con il 33,4% di NEET. Carbonia/Sud Sardegna: si colloca al 12° posto su 107 con il 36,6% di NEET.

E.G.


10 Ottobre 2019
Powered by Adon