Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Ugl Viabilità e logistica spiegano che lo cause dello sciopero sono da ricercare nello stallo per il rinnovo del contratto determinato dal gruppo Gavio, rappresentato dall’associazione Fise Acap Confermato lo sciopero nazionale per il 13 e il 14 ottobre

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2
345678 9
101112131415 16
17 1819 202122 23
242526 27 28 29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

TRASPORTI

Confermato lo sciopero nazionale per il 13 e il 14 ottobre


“Conferma dello sciopero nazionale di domenica 13 e lunedì 14 ottobre, avvio di iniziative nei confronti del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, compresa una manifestazione nazionale a Roma, affinché nei bandi di gara per le nuove concessioni autostradali sia inserita una clausola di salvaguardia sociale e contrattuale, e infine pieno mandato a proseguire nella mobilitazione nel caso che, dopo lo sciopero, non si arrivi al rinnovo del contratto nazionale”. È quanto deliberato da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Ugl Viabilità e logistica, nel corso della riunione nazionale dei delegati e delegate delle autostrade che si è tenuta oggi a Torino, in vista dello sciopero indetto “per la fase di stallo nel rinnovo del contratto, determinata fondamentalmente dal gruppo Gavio, rappresentato dall’associazione Fise Acap”.

“Da tutti gli interventi è emersa – riferiscono i sindacati –, alla luce del mutato scenario nel settore con concessioni scadute o in scadenza, la necessità inderogabile di definire, nell’ambito del ccnl, una clausola sociale che tuteli i lavoratori rispetto alla continuità occupazionale e una clausola contrattuale che sancisca l’applicazione dello stesso contratto e conseguentemente il mantenimento dei trattamenti economici e normativi".

"Su questo, non può sottrarsi il Mit che, nella fase di predisposizione dei bandi di gara – spiegano ancora le diverse sigle – deve prendersi i propri impegni sulla salvaguardia del personale, come richiesto nel documento unitario. Rimettiamo in movimento il Paese”.

TN


10 Ottobre 2019
Powered by Adon