Ad agosto il saldo annualizzato dei rapporti di lavoro, vale a dire la differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi dodici mesi, risulta pari a +338mila unità, rispetto ai 383mila di agosto 2018 Inps, ad agosto i rapporti di lavoro sono scesi dell’11,7% su base annua

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2
345678 9
101112131415 16
17 1819 20 2122 23
24 25 26 27 28 29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LAVORO

Inps, ad agosto i rapporti di lavoro sono scesi dell’11,7% su base annua


Ad agosto il saldo annualizzato dei rapporti di lavoro, vale a dire la differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi dodici mesi, risulta positivo e pari a +338.000, inferiore dell'11,7% a quello registrato alla fine di agosto 2018 (+383.000). Lo ha reso noto l'Inps

Secondo l'Istituto, su conferma l'inversione di tendenza, già segnalata fin dagli inizi del 2018, fra andamento dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato e andamento dei rapporti a tempo determinato: il saldo annualizzato dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato è passato da -2.400 ( agosto 2018) a +366.000 (agosto 2019) mentre quello dei rapporti a tempo determinato è passato da +218.000 (08/2018) a -178.000 (08/2019).

Permangono positivi i saldi annualizzati delle altre tipologie di rapporti rilevati, ad eccezione dei rapporti di somministrazione che ad agosto 2019 hanno evidenziato un saldo annualizzato pari a -9.000.

Nei primo otto mesi del 2019 sono aumentati, di oltre il 162%, i contratti stabili toccando quota 347.651 dai 132.609 dello stesso periodo del 2018. Complessivamente le assunzioni, riferite ai soli datori di lavoro privati, nei primi otto mesi del 2019 sono state 4.905.000. Rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente la crescita ha riguardato i contratti a tempo indeterminato, i contratti di apprendistato, stagionali e intermittenti; risultano invece in diminuzione i contratti a tempo determinato e quelli in somministrazione.

Nel periodo gennaio-agosto del 2019 rispetto al corrispondente periodo 2018 vi è stato un netto incremento delle trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato, passate da 317.000 a 480.000 (+163.000, +51,3%); in crescita risultano anche le conferme di rapporti di apprendistato giunti alla conclusione del periodo formativo (sono passate da 42.200 a 50.800: +20,5%).

Le cessazioni nel complesso sono state 4.062.000, in diminuzione rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente: la riduzione ha riguardato le cessazioni di contratti in somministrazione, di rapporti a termine; in crescita sono invece le cessazioni di rapporti con contratto intermittente, stagionale e in apprendistato; pressoché stabili le cessazioni di rapporti a tempo indeterminato.

Nei mesi di gennaio-agosto 2019 sono stati incentivati 72.125 rapporti di lavoro con i benefici previsti dall'esonero triennale strutturale per le attivazioni di contratti a tempo indeterminato di giovani (legge n. 205/2017), in diminuzione rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (-11,0%). In particolare 38.432 sono riferiti ad assunzioni e 33.693 sono relativi a trasformazioni a tempo indeterminato. I rapporti incentivati costituiscono il 5,2% del totale dei rapporti a tempo indeterminato attivati (assunzioni + trasformazioni).

TN


17 Ottobre 2019
Powered by Adon