Il leader di Italia Viva concorda con il premier, e spiega che nel contratto ''non c'e' alcuna ragione di recesso'' Ex Ilva, Renzi, ha ragione Conte, Mittal cerca pretesti

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123456 7
8910111213 14
151617 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ACCIAIO

Ex Ilva, Renzi, ha ragione Conte, Mittal cerca pretesti



Su questa vicenda dell'ex Ilva "ha ragione Conte, non Mittal": "io credo che la norma sullo scudo penale possa essere tranquillamente reintrodotta e su questo Italia Viva è pronta a votare. Ma attenzione, Mittal sta cercando dei pretesti per andarsene", "questo passaggio è un gigantesco alibi, noi abbiamo presentato un emendamento per togliere questo alibi". Lo afferma Matteo Renzi durante 'In viva voce' su Radio1. "Il punto - aggiunge l'ex premier - è rispettare il contratto e Mittal deve rispettare il contratto" e "nel contratto lo scudo non c'è".

 "Non c'è nel contratto alcuna ragione di recesso per il signor Mittal - insiste Renzi- che quindi deve continure a investire a Taranto. Mittal deve rispettare il contratto e sono convinto che lo stesso diranno tutte le forze politiche. Poi siamo disposti a discutere, ma se Mittal non rispetta il contratto e se ne va, gli si chiede i danni e si passa al secondo"
Quanto alle voci di stampa che lo danno al lavoro per organizzare una ''cordata'' di salvataggio centrata su Jindal, Renzi smentisce: "Io non sono al lavoro per una cordata, io faccio il senatore non il costruttore di cordate. Ilva è un argomento fondamentale per il futuro del Sud e dell'Italia, ho fatto 12 decreti per tenerla in vita". 

05 Novembre 2019
Powered by Adon