"L'economia bloccata non mostra segni di ripresa significativa". Così nel rapporto sulle previsioni economiche d'autunno che la Commissione europea ha pubblicato oggi a Bruxelles Commissione Ue, "L'Italia fatica a uscire dalla stagnazione"

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2345 6
7 8910 1112 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ECONOMIA

Commissione Ue, "L'Italia fatica a uscire dalla stagnazione"


"L'Italia fatica a uscire dalla bassa crescita stagnante": è l'eloquente titolo del paragrafo sulla situazione dei conti pubblici e dell'economia italiana nel rapporto sulle previsioni economiche d'autunno che la Commissione europea ha pubblicato oggi a Bruxelles.

"L'economia italiana - si legge nel rapporto - si è bloccata all'inizio del 2018 e non mostra ancora segni di una ripresa significativa. Nel 2020 - prevede la Commissione -, la crescita è destinata a riprendersi modestamente a seguito della crescente domanda esterna e della moderata spesa delle famiglie, sebbene quest'ultima sarà parzialmente attenuata dall'indebolimento del mercato del lavoro".

"Il deficit pubblico e il debito - nota l'Esecutivo comunitario - aumenteranno nei prossimi anni, a seguito della debole crescita economica e dell'aumento dei costi delle misure decise in passato"; ovvero, come si specifica più avanti, l'introduzione del Reddito di cittadinanza ("minimum income scheme"), "e di diverse misure che allargano le possibilità di ricorrere a pensionamenti anticipati" (Quota 100 e le facilitazioni dei ricongiungimenti contributivi).

Il debito pubblico "è previsto in aumento dal 134,8% nel 2018 al 137,4% nel 2021, a causa della debole crescita nominale del Pil e al peggioramento del saldo primario di bilancio", nota la Commissione. Il deficit è previsto stabile al 2,2% del Pil nel 2019, mentre nel 2020 dovrebbe aumentare al 2,3% del Pil.

A conferma della situazione stagnante, la Commissione nota poi che "l'inflazione dei prezzi al consumo dovrebbero diminuire quest'anno", quando è prevista allo 0,6%, "e aumentare moderatamente nel periodo 2020-2021", con previsioni rispettivamente allo 0,8% e all'1,1%.

Per quanto riguarda il Pil, la Commissione conferma un +0,1% per il 2019, che dovrebbe salire a +0,4% nel 2020 e a 0,7% nel 2021.

TN


07 Novembre 2019
Powered by Adon