Così la segretaria generale della Cisl in merito all’annuncio dato oggi dall’azienda Ex Ilva, Furlan (Cisl), lo spegnimento degli impianti sarebbe una sciagura per il paese

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123456 7
8 9 10 111213 14
15 1617 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ACCIAIO

Ex Ilva, Furlan (Cisl), lo spegnimento degli impianti sarebbe una sciagura per il paese


 “Se Arcelor Mittal spegnerà davvero gli impianti nelle prossime settimane sarà una sciagura per Taranto, per gli altri stabilimenti, per tutto il paese”. Lo sottolinea la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan. 

“Non possiamo arrenderci a questa eventualità disastrosa del disimpegno totale dell’azienda. Non ci rassegniamo allo smantellamento di una azienda così importante per l'economia del paese ed al congelamento  del piano di risanamento ambientale. Lo diremo con chiarezza domani nell'incontro al Mise. Il Governo ha delle responsabilità enormi in questa vicenda perché non riesce a risolvere per i suoi problemi interni il problema dello scudo penale. Noi abbiamo detto unitariamente che servirebbe un decreto legge, indispensabile per togliere ogni alibi ad Arcelor Mittal. Qui è in gioco il destino di 20 mila famiglie ed anche la credibilità internazionale del nostro paese. Non si possono firmare degli accordi e poi dopo un anno scappare via, abbandonare gli investimenti previsti, annunciando come se niente fosse 5 mila esuberi. Questo è una linea irresponsabile, un ricatto inaccettabile. Se ci sono dei problemi economici di mercato si devono affrontare, come si fa sempre, aprendo un negoziato con il sindacato. La via giudiziaria non è la strada risolutiva. Tutt'altro.”

TN


14 Novembre 2019
Powered by Adon