A novembre si rilevano andamenti divergenti del clima di fiducia, che migliora per le imprese e peggiora per i consumatori. Con riferimento ai consumatori, l`indice, secondo i dati diffusi dall'Istat, è in deciso calo Istat, a novembre cala fiducia consumatori, ai minimi dal 2017

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123456 7
8910111213 14
151617 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ECONOMIA

Istat, a novembre cala fiducia consumatori, ai minimi dal 2017


A novembre si rilevano andamenti divergenti del clima di fiducia, che migliora per le imprese e peggiora per i consumatori. Con riferimento ai consumatori, l`indice, secondo i dati diffusi dall'Istat, è in deciso calo e raggiunge un livello minimo rispetto al periodo agosto 2017 - novembre 2019. La dinamica negativa è determinata dal peggioramento di giudizi e attese sulla situazione economica italiana nonché dall`aumento delle aspettative sulla disoccupazione.

A novembre 2019 l'Istat stima un deciso calo dell`indice del clima di fiducia dei consumatori (da 111,5 a 108,5), mentre l`indice composito del clima di fiducia delle imprese registra un lieve aumento, da 98,9 a 99,1.

La diminuzione dell`indice di fiducia dei consumatori è la sintesi di andamenti negativi di tutte le sue componenti (il clima economico diminuisce da127,2 a 116,3, il clima corrente cala da 107,9 a 106,8 e il clima futuro flette da 116,1 a 110,2), ad eccezione di quella personale, dove l`indice aumenta leggermente da 105,4 a 105,8.

Per quanto attiene alle imprese, dall`industria emergono segnali di incertezza mentre per i servizi si registra una sostanziale stabilità degli indici. Più in dettaglio, l`indice diminuisce lievemente nel settore manifatturiero (da 99,5 a 98,9) e flette da 141,3 a 137,1 nelle costruzioni; nei servizi di mercato l`indice rimane a quota 99,6 come lo scorso mese e nel commercio al dettaglio permane sostanzialmente stabile (da 108,3 a 108,2).

Passando ad analizzare le componenti dei climi di fiducia delle imprese, nell`industria manifatturiera il deterioramento dell`indice deriva da giudizi sugli ordini e attese di produzione in peggioramento; il saldo dei giudizi sulle scorte diminuisce.
Nelle costruzioni, l`evoluzione negativa dell`indice è determinata dal peggioramento dei giudizi sugli ordini e, soprattutto, da un deciso ridimensionamento delle attese sull`occupazione.

Nel comparto dei servizi di mercato si segnala il miglioramento dei giudizi e delle attese sugli ordini; i giudizi sull`andamento degli affari sono invece in deterioramento. Con riferimento al commercio al dettaglio, la lieve diminuzione dell`indice di fiducia è trainata dal deterioramento dei giudizi e delle attese sulle vendite a cui si uniscono giudizi sulle scorte in miglioramento.

E.G.


27 Novembre 2019
Powered by Adon