A seguito dell’incontro tra Tirrenia-Cin e sindacati di categoria, è emersa la prospettiva di 1.000 esuberi tra il personale marittimo a partire dal 2020 e la chiusura delle sedi amministrative di Napoli e Cagliari. I sindacati hanno proclamato lo stato di agitazione e avviato le procedure per lo sciopero Tirrenia Cin, a rischio 1.000 esuberi, sindacati: proclamato lo stato di agitazione

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4
5 6 78910 11
12 1314151617 18
192021222324 25
26 27 28 2930 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

TRASPORTI MARITTIMI

Tirrenia Cin, a rischio 1.000 esuberi, sindacati: proclamato lo stato di agitazione


A seguito dell’incontro tra Tirrenia-Cin e sindacati di categoria, è emersa la prospettiva di 1.000 esuberi tra il personale marittimo a partire dal 2020 e la chiusura delle sedi amministrative di Napoli e Cagliari con trasferimento coatto di tutto il personale nelle sedi di Portoferraio, Livorno e Milano.

L’azienda ha spiegato ai sindacati che tali decisioni sono collegate alla scadenza della convenzione ministeriale che sovvenziona la continuità territoriale di diverse linee e a una riorganizzazione aziendale. Una prospettiva, sottolineano le categorie Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti in una nta congiunta, che “appare inverosimile e, qualora fosse confermata, non esiteremmo a respingerla”.

Intanto, i sindacati hanno già proclamato lo stato di agitazione e avviato le procedure per lo sciopero “che sarà inevitabile – concludono le categorie - se l’azienda persevererà in tale percorso”.

E.G.


12 Dicembre 2019
Powered by Adon