Cresce l’occupazione ma la realtà è quella di un lavoro sempre più povero, mal retribuito e poco produttivo, dove esplode il part time involontario e il Pil è sempre fermo La maledetta “eccezione italiana”

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2345 6
7 8910 1112 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LAVORO

La maledetta “eccezione italiana”

Autore: Maurizio Ricci

Possiamo solo immaginare cosa avrebbero fatto Matteo Salvini e il Luigi Di Maio v.o. (versione originale, quello gialloverde) dei dati appena comunicati dall’Istat sull’occupazione a novembre. Hanno dichiarato di avere un lavoro quasi 23 milioni e mezzo di italiani, un record, e gli ultimi aumenti riguardano in particolare donne e giovani, quelli che tradizionalmente sono gli “scarti” nelle assunzioni. Sono statistiche da prendere con le molle: basta un ora di lavoro nella settimana precedente per risultare “occupato”. Ma le statistiche sono state sempre fatte così, dunque, il confronto è possibile. Il tasso di occupazione (occupati su popolazione attiva), spietata cartina di tornasole dell’arretratezza italiana, è riuscito a sfiorare il 60 per cento, un po’ meno lontani dalla normalità europea (in Germania siamo al 70). Salvini e il Di Maio vintage avrebbero forse celebrato dai balconi. Il governo attuale ha sobriamente e discretamente preferito il basso profilo, consapevole che questi dati  cambiano assai poco il disagio profondo e radicato del mondo italiano del lavoro e del non lavoro. Meglio più occupati che meno occupati, naturalmente, ma il lavoro in Italia – ha riassunto con efficacia Repubblica  – “continua ad essere povero, poco produttivo, mal remunerato”.

Fra ottobre e novembre sono aumentati gli occupati permanenti, ma, nel complesso, un terzo di questi quasi 24 milioni di italiani al lavoro ha un contratto a termine o part time. Non per propria scelta. I sondaggi dicono che il numero di persone costrette ad un part time involontario è raddoppiato negli ultimi dieci anni. Quelli che hanno visto, in effetti, una esplosione del part time: i contratti di questo tipo sono passati da 3,3 milioni a 4,5, il 40 per cento in più. Mentre i contratti a termine superavano quota 3 milioni. Qui il dramma non è solo la normalità quotidiana del precariato. Il dramma italiano più profondo è l’implosione al rallentatore dell’economia: ci sono più occupati del 2008, ma il numero di ore lavorate è inferiore a quello pre-crisi. In altre parole, abbiamo più occupati che, nel caso migliore, producono esattamente quanto prima.

Insomma, sembrerebbe un caso in più, in cui emerge la maledetta “eccezione italiana”. Purtroppo, non è così. La corrosione della ormai trentennale stagnazione italiana finisce per nascondere o mascherare fenomeni che scorrono nel profondo delle società moderne. Il lavoro in Italia non è “povero, poco produttivo, mal remunerato” solo perché la recessione non finisce mai. E’ povero, poco produttivo, mal remunerato anche dove la crisi non c’è affatto.

Negli Usa, il tasso di disoccupazione è crollato al 3,5 per cento, l’economia cresce ininterrottamente da dieci anni. Ma 53 milioni di lavoratori, pari al 44 per cento di tutti i lavoratori americani, ha appena di che vivere, dice una ricerca pubblicata dalla Brookings Institution. In pratica, quasi un lavoratore su due nel pieno della maturità (18-64 anni) fatica,  si sarebbe detto una volta, a mettere insieme il pranzo con la cena. Oggi diciamo a procurarsi cibo e alloggio decenti, assistenza per i suoi bambini o i suoi  anziani. Il parametro scelto dalla Brookings è il salario mediano: metà di quei 53 milioni di lavoratori guadagna meno di 10,22 dollari l’ora (più o meno i 9 euro l’ora di cui si parla per il salario minimo italiano) per un reddito annuo che non arriva fino a 18 mila dollari. Per avere un’idea (approssimativa, perché ci sono vari sgravi e crediti fiscali) la soglia di povertà ufficiale negli Usa, per una donna  single con due bambini, è 20 mila dollari l’anno.

Dove lavorano questi quasi poveri? Nei settori in cui effettivamente l’occupazione è cresciuta in questi anni: negozi, cucine, bar, ristoranti, fast food, nelle case come domestiche, portinai, badanti, assistenti a vecchi e bambini. Sono lavoratori marginali, neoassunti o parapensionati? Niente affatto: i due terzi di loro sono fra i 25 e i 54 anni. Guadagnano così poco perché sono precari, semidisoccupati? Neanche: il 57 per cento, dice la Brookings, lavora tutto l’anno. Sono single che badano solo a se stessi? Più di un terzo ha bambini. Sono solo di supporto a buste paga più pesanti che arrivano in casa? Più di uno su due di questi sottopagati è il pilastro economico della famiglia. In due parole: questo galleggiamento al livello della soglia di povertà rischia di essere, per larga parte delle persone, l’immagine del lavoro del futuro.

Maurizio Ricci


13 Gennaio 2020
Powered by Adon