Così il leader della Cgil al parlamento europea, che ha aggiunto “dipende da come si fa, deve rafforzare contrattazione collettiva” Landini, il salario minimo proposto dalla Ue potrebbe essere controproducente

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
2 3456 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 1718192021 22
23 2425262728 29

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LAVORO

Landini, il salario minimo proposto dalla Ue potrebbe essere controproducente


La direttiva Ue sul salario minimo, che la commissione europea ha proposto la settimana scorsa a Strasburgo, dovrà rafforzare la contrattazione collettiva, o rischia di essere addirittura controproducente, dal punto di vista dei sindacati. Lo ha detto Maurizio Landini, segretario generale della Cgil, durante in incontro con i giornalisti al parlamento europeo.

Riguardo alla direttiva sul salario minimo, ha affermato Landini, "il problema è come la si fa. Dal nostro punto di vista, bisogna fare provvedimenti legislativi che rafforzino la contrattazione collettiva. E quindi il ruolo dei contratti nazionali di lavoro, che si debbono estendere, e dei contratti di settore".

"Rafforzare la contrattazione - ha aggiunto il leader della Cgil - vuol dire rafforzare i diritti di queste persone. La contrattazione collettiva esiste se le persone che lavorano hanno il diritto, se vogliono, di organizzarsi collettivamente Questo è un punto di fondo".

Se la direttiva europea fosse "un provvedimento che sancisce un salario medio, che in pratica cristallizza quelli che sono i tanti salari diversi che già esistono, non servirebbe a nulla, anzi sarebbe controproducente.

Perché il punto è alzarli, i salari, non sancirli con una fotografia", ha sottolineato Landini.

Insomma, ha concluso il segretario della Cgil, "per quel che ci riguarda, noi sosteniamo l'idea di provvedimenti legislativi in Europa, e anche in Italia, che rafforzano e sostengono ed estendono la contrattazione collettiva, a partire dal ruolo dei contratti nazionali".

La proposta della Commissione, nella versione che è stata presentata e che ora sarà esaminata dal Consiglio Ue e dal Parlamento europeo, intende fissare un salario minimo nei paesi in cui non c'è una tradizione consolidata di contrattazione collettiva.

TN


23 Gennaio 2020
Powered by Adon