Lo ha detto la leader della Cisl in merito all’incontro che si è tenuto ieri tra governo e sindacati sulle pensioni Furlan, serve una riforma complessiva nel segno dell’equità

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
2 3456 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 1718192021 22
23 2425262728 29

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

PENSIONI

Furlan, serve una riforma complessiva nel segno dell’equità


"Ieri abbiamo fatto il primo incontro con il Governo sulle pensioni. E` stato ufficialmente aperto questo tavolo di confronto assolutamente significativo ed importante. Noi riprendiamo ovviamente dalla piattaforma che abbiamo presentato unitariamente come Cgil, Cisl e Uil". Lo ha detto a Milano la leader della Cisl, Annamaria Furlan.

"Riprendiamo il filo del percorso che già con il governo Gentiloni c`eravamo dati. Bisogna ripartire da lì, da un accordo che fu definito allora da qualche politico un piatto di lenticchie", ha proseguito.

"Quindi - ha aggiunto - è per noi positivio l`avvio immediato delle due commissioni: quella per esaminare scientificamente la gravosità di tutti i lavori e quella per separare assistenza da previdenza. E poi l`apertura di tavoli tematici molto significativi ed importanti su come creare una pensione di garanzia per i giovani perché non possiamo arrenderci che siano futuri pensionati e pensionate poveri vista la discontinuità del lavoro, questa è una cosa inaccettabile. Vogliamo discutere finalmente in modo chiaro di flessibilità di uscita. Noi abbiamo fatto proposte credo molto chiare: innanzitutto dopo 41 anni di contributi la possibilità di andare in pensione a prescindere dall` età ed iniziare a discutere sulla flessibilità in uscita dai 62 anni senza ovviamente ripercussioni negative sul livello delle pensioni. A questo proposito ricordo che oltre un quarto dei pensionati oggi è sotto i mille euro quindi di questo si deve tenere conto. E poi bisogna discutere delle risposte che diamo alle donne lavoratrici: la nostra proposta è di un anno di contributi per figlio. La maternità è un bene sociale non solo una scelta individuale della persona. C`è poi tutto il tema della rivalutazione delle pensioni: i nostri pensionati son tanti anni che non vedono rivalutata la loro pensione e questo è assolutamente inaccettabile. Cosi come credo si debba aprire immediatamente una discussione seria sulla non autosufficienza sapendo che per altro questa oggi grava totalmente sulla famiglia italiana e non riguarda solo anziani ma tanti giovani, purtroppo.

Quindi serve una riforma della previdenza complessiva nel segno dell`equità".

TN


28 Gennaio 2020
Powered by Adon