Ecco quali sarebbero i risultati della satira applicata al leader leghista con il supporto delle nuove tecnologie E se Salvini si trasformasse in un remake di Woody Allen?

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
2 3456 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 1718192021 22
23 2425262728 29

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

E se Salvini si trasformasse in un remake di Woody Allen?


Durante la prima Repubblica, un grande vignettista come Giorgio Forattini non aveva peli sulla matita  e riusciva ad esasperare, con l’ironia, qualche lato oscuro dei personaggi  presi di mira dalla sua satira. Così  a Bettino Craxi  metteva indosso  la camicia nera con le maniche rimboccate e gli stivaloni. Mentre Massimo D’Alema vestiva  la divisa della Gestapo  (se ben ricordo Forattini fu querelato dal  lìder maximo per queste vignette). Oggi  le forme della satira politica si sono evolute in parallelo con le nuove tecnologie. E’ sufficiente uno smartphone  per produrre un video. Consiglierei agli esperti del settore un soggetto che non solo sarebbe divertente, ma aiuterebbe gli italiani a capire tante cose. Si comincia con Matteo Salvini che abbraccia la salama ferrarese e taglia la sfoglia per inanellare i tortellini; dopo, nel video, si aggiunge qualche scena di un film Luce che mostra Benito Mussolini, a torso nudo, intento a mietere il  grano. Poi occorre farsi restituire da Facebook  il video del citofono al Pilastro e subito appresso si inserisce il Duce, ad un casello ferroviario, che controlla di persona se il treno marcia in orario. Di nuovo,  il Capitano giganteggia sopra una ruspa mentre abbatte delle baracche, seguito da una vecchia pellicola  in cui Mussolini è ripreso a demolire, a colpi  di piccone, antiche casupole per costruire al loro posto le opere del regime.  Poi viene il confronto relativo all’attività fisica: spunta il sole, canta il gallo/ Mussolini va a cavallo. Il Capitano invece si trasforma in un tronista al Papeete.  Per parlare di vite parallele, tuttavia, dobbiamo attendere che Salvini salti nel cerchio infuocato o scavalchi di getto  la fila di baionette spianate. Una rappresentazione simile la si è vista nel film ‘’Crimini e misfatti’’ di Woody  Allen: un regista di documentari (interpretato appunto da Allen) viene incaricato da un potente produttore (che vuole aiutarlo, ma che gli ha conquistato la donna di cui è innamorato) di fare un film su di lui. Il regista si vendica inserendo nella pellicola che riprende le gesta del produttore degli spezzoni di atteggiamenti di Benito Mussolini. Ovviamente perde il posto ma si toglie una soddisfazione. Si faccia avanti chi vuole fare un remake con Salvini protagonista.

Giuliano Cazzola


31 Gennaio 2020
Powered by Adon