Il prefetto di Napoli ha incontrato una delegazione della Fiom-Cgil, mentre davanti alla prefettura si svolgeva un sit-in dei lavoratori Whirlpool, Fiom: il Governo blocchi questa bomba sociale

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ELETTRODOMESTICI

Whirlpool, Fiom: il Governo blocchi questa bomba sociale


Si è svolto il presidio dei lavoratori della Whirlpool davanti la prefettura di Napoli. Lo riferisce la Fiom-Cgil. "Ringraziamo il prefetto Marco Valentini per la tempestività con cui ha ricevuto una delegazione sindacale - ha detto Rosario Rappa, segretario nazionale della Fiom - e per l'attenzione posta alla complessità dei temi legati alla vertenza Whirlpool e in particolare per l'impegno di trasmettere quanto prima l'esito dell'incontro al Governo e al ministro Patuanelli".

Nel corso dell'incontro la Fiom, oltre ai termini generali della vertenza, ha illustrato la necessità di evitare la tensione sociale. "In particolare - ha proseguito Rappa - occorre rinnovare gli ammortizzatori sociali, che scadono a marzo, in maniera omogenea e senza determinare una diversificazione per il sito di Napoli. Inoltre, va fermato l'atteggiamento provocatorio e irresponsabile dell'amministratore delegato La Morgia, che sta facendo il giro degli stabilimenti Whirlpool in Italia nel tentativo, non riuscito, di isolare i lavoratori di Napoli dal resto del gruppo promettendo investimenti e carichi di lavoro, a esclusione del sito partenopeo su cui dichiara di non essere in grado di garantire un'attività produttiva così come previsto dall'accordo del 2018".

Secondo la Fiom "è necessario un forte intervento del Governo su queste due questioni per evitare che la vertenza sindacale diventi una bomba sociale, la cui responsabilità non potrà essere scaricata sui lavoratori. Fino ad oggi ciò è stato evitato grazie all'atteggiamento comprensivo da parte delle forze dell'ordine, che ringraziamo, e al senso di responsabilità dei lavoratori, che non può durare all'infinito essendoci in gioco il posto di lavoro".

TN


10 Febbraio 2020
Powered by Adon