Nello specifico - continua la nota - è stata richiesta la dotazione di tutti i Dpi previsti da decreti e protocollo e soprattutto, si è sottolineata la necessità di riprogrammare l’organizzazione del lavoro Filt-Cgil Roma Nord, i lavoratori del sito Pac 2000 si asterranno dal lavoro

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LOGISTICA

Filt-Cgil Roma Nord, i lavoratori del sito Pac 2000 si asterranno dal lavoro


"Negli ultimi giorni e da ultimo con una lettera abbiamo sollecitato l’appaltante e l’appaltatore del sito Pac 2000 di Fiano Romano al rispetto delle prescrizioni previste nel Dpcm numero 9 del 11/03/2020 e nel 'Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro'". Così, in una nota, la Filt Cgil Civitavecchia Roma Nord Viterbo.


"Nello specifico - continua la nota - è stata richiesta la dotazione di tutti i Dpi previsti da decreti e protocollo e soprattutto, si è sottolineata la necessità di riprogrammare l’organizzazione del lavoro, in modo da diluire il lavoro nella giornata, evitando la sovrapposizione dei lavoratori, concentrata nelle seguenti ore: primo turno 5-14 e secondo turno 6- 15.

Ci corre l’obbligo di ricordare quale sacrificio stiano compiendo i lavoratori della logistica, spesso trattati come anello debole tra la produzione e la distribuzione, ma oggi fondamentali per la sopravvivenza del paese e delle persone a cui consentono di trovare, nei pochi presidi ancora aperti, tutti i generi di prima necessità.


Non sarà sicuramente questo il momento, ma il settore una volta finita la terribile crisi che stiamo vivendo, dovrà obbligatoriamente rivedere le politiche contrattuali fino a oggi attuate in coerenza dell’importanza conquistata sul campo dai lavoratori.


Pertanto, per far capire quanto sia alto il senso di responsabilità dei lavoratori e al tempo stesso quanto sia importante rispettare le norme di sicurezza, domani le maestranze sospenderanno simbolicamente la loro prestazione di lavoro per 10 minuti dalle ore 10 alle ore 10.10 rimanendo nella loro postazione, evitando assembramenti, vietati in questo momento dalle norme.

Nella certezza che venga compreso il messaggio, confidiamo nel senso di responsabilità da parte datoriale, spesso richiesto unilateralmente ai soli lavoratori".

TN


23 Marzo 2020
Powered by Adon