Lo sottolinea la segretaria generale della Cisl Annamaria Furlan commentando l’accordo con il Governo Coronavirus, Furlan: è un buon lavoro. Ristrette le produzioni davvero indispensabili

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

GOVERNO-SINDACATI

Coronavirus, Furlan: è un buon lavoro. Ristrette le produzioni davvero indispensabili


“E' sicuramente un buon lavoro che rassicura tutto il mondo del lavoro in questo momento molto grave e tragico per il nostro paese". Lo sottolinea la segretaria generale della Cisl Annamaria Furlan commentando l’accordo con il Governo. "Abbiamo concluso l’incontro con il governo, ridefinendo meglio le attività produttive davvero indispensabili, in questo momento così particolare per la vita del paese. Abbiamo fatto un buon lavoro, modificando profondamente quella che era la prima lista definita dal decreto di domenica scorsa. Abbiamo ristretto le produzioni davvero indispensabili per garantire la continuita' del nostro sistema sanitario e del settore dell’agro alimentare, cioe’ quelle che sono le produzioni davvero essenziali oggi nel nostro paese in questo momento. I prefetti dovranno ora coinvolgere le organizzazioni sindacali nei territori per le autocertificazioni delle imprese ed anche nel settore della difesa il ministro della difesa si e' impegnato a ridurre le produzioni, salvaguardando sole le attivita' produttive essenziali. Abbiamo chiesto come Cisl un intervento forte su Abi per il settore delle banche e Poste italiane per garantire la sicurezza, viste le condizioni spesso inccettabili dei lavoratori e dei cittadini che a migliaia ogni giorno si rivolgono agli sportelli di questi importanti servizi. In tal senso il ministro Patunelli si e' impegnato ad intervenire per migliorare urgentemente le attuali condizioni anche di questi settori lavorativi. Tutto questo per riuscire a salvaguardare tutti i lavoratori e le lavoratrici e davvero poter combattere anche in questo modo il diffondersi del virus nel nostro paese. La tutela della salute resta per noi oggi l’obiettivo principale nel quadro della salvaguardia delle produzioni essenziali e del reddito di tutti i lavoratori”

TN


25 Marzo 2020
Powered by Adon