Il sito è stato preso d’assalto per le moltissime richieste per richiedere i 600 euro In tilt il sito dell'Inps e Tridico afferma: cambieremo gli orari di accesso

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 1213 1415 16
17181920 212223
2425262728 29 30
31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LAVORO

In tilt il sito dell'Inps e Tridico afferma: cambieremo gli orari di accesso


C'è chi non riesce ad accedere alla pagina web per presentare la propria domanda d'indennità, chi accede ma il sistema apre per errore la sezione personale di un altro utente, chi ancora attende di ricevere il Pin online. Sono numerosissime le segnalazioni e le lamentele che, attraverso i social, arrivano all'Inps nel primo giorno di invio delle richieste per il bonus babysitting e per l'indennità Covid 19 da 600 euro per i lavoratori autonomi.

Il sito è stato preso d'assalto dall'una di notte provocando un notevole intasamento. Non sono bastate, infatti, le rassicurazioni del ministero del Lavoro e dello stesso Inps che hanno smentito il click day ed escluso la valutazione delle domande in ordine cronologico.

"Dall'una di notte alle otto e trenta circa, abbiamo ricevuto 300mila domande regolari. Adesso stiamo ricevendo 100 domande al secondo", ha scritto su Twitter il presidente dell'Inps, Pasquale Tridico. Si tratta di "una cosa mai vista sui sistemi dell'Inps che - ha assicurato Tridico - stanno reggendo, sebbene gli intasamenti sono inevitabili con questi numeri".

Le domande, comunque, potranno essere inviate anche nei giorni successivi al primo aprile.

E Tridico precisa:"riapriremo il sito con una modalità diversa: la mattina, dalle 8 alle 16, a patronati e consulenti, dalle 16 in poi anche ai cittadini". ha detto al Tg1 il presidente dell'Inps, Pasquale Tridico.

TN


01 Aprile 2020
Powered by Adon