Il nuovo pacchetto di misure è stato presentato, in una conferenza stampa, dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, assieme al ministro dell’Economia Gualteri e al ministro dello Sviluppo Economico, Patuanelli Dl Credito, 400 miliardi di liquidità alle imprese

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 1213 1415 16
17181920 212223
2425262728 29 30
31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ECONOMIA

Dl Credito, 400 miliardi di liquidità alle imprese


"Con il decreto approvato diamo liquidità immediata per 400 mld alle nostre imprese, che siano piccole medie e grandi: 200 mld per il mercato interno e altri 200 per l'export. È una potenza di fuoco, non ricordo un intervento così poderoso nella storia della nostra Repubblica per il finanziamento alle imprese, una cifra enorme". Con queste parole il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha aperto la conferenza stampa di ieri sera al termine del Consiglio dei Ministri, che ha approvato il Dl Credito.

Il decreto prevede la garanzia da parte dello Stato affinché i prestiti avvengano in modo celere e spedito, attraverso il sistema bancario Sace, controllato da Cassa Depositi e Prestiti. Nello specifico, i prestiti fino a 25mila euro saranno garantiti al 100%, e potranno essere erogati alle imprese senza alcuna valutazione del merito di credito. Inoltre le banche non dovranno attendere il via libera dal Fondo di Garanzia. I prestiti fino a 800mila euro saranno assicurati al 90% dalla Stato e al 10% da Confidi, e garanzia fino al 90% da Confidi per i prestiti da 5 milioni di euro. I prestiti garantiti dallo Stato potranno arrivare fino al 25% del fatturato delle imprese o al doppio del costo del personale

Nel documento si rafforza anche il Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese, che dopo l’ampliamento di 1,5 miliardi di euro con il Dl Cura Italia, arriverà, entro l’anno, a un bacino di risorse di 7 miliardi, con la possibilità di generare circa 100 miliardi di euro di liquidità anche per le aziende fino a 499 dipendenti e i professionisti.

Con questo decreto e quello di marzo, ha ricordato il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, vengono mobilitate risorse per 750 miliardi.

Si rafforza inoltre la golden power, uno strumento con il quale è possibile operazioni societare e scalate ostili, che per fronteggiare l’emergenza è stato esteso, non solo a infrastrutture nevralgie e della difesa, ma anche a energia, trasporti, acqua, salute, sicurezza alimentare, cybersicurezza, robotica. In questo, ha precisato il Premier, saranno tutelate tutte quelle imprese che hanno un ruolo strategico.

TN


07 Aprile 2020
Powered by Adon