Per il presidente di Conftrasporto, Paolo Uggè, le risorse messe in campo dal governo sono importanti, ma la liquidità necessaria “deve essere messa a disposizione subito, se non si vuole che le attività, soprattutto quelle medio-piccole, chiudano per sempre” Conftrasporto, bene le risorse ma bisogna accelerare i tempi

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 1213 1415 16
17181920 212223
2425262728 29 30
31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

TRASPORTI

Conftrasporto, bene le risorse ma bisogna accelerare i tempi


Sulle imprese "per non morire la discriminante è il tempo". L`allarme arriva da Conftrasporto-Confcommercio (oltre 30mila imprese trasporti e logistica rappresentate), il cui presidente Paolo Uggè, parla di risorse indubbiamente importanti contenute nell`ultimo decreto per le aziende, ma del `micidiale` rischio di vederne crollare i propositi sotto il peso del tempo che passa.

"Fate presto, qui si rischia di non risolvere i problemi della gente e delle imprese - avverte Uggè con una nota - La liquidità necessaria dev`essere messa a disposizione subito, se non si vuole che le attività, soprattutto quelle medio-piccole, chiudano per sempre. Le misure messe in campo da Germania e Svizzera sono le stesse che Conftrasporto invoca da giorni, inascolata dal nostro esecutivo".

"Il decreto per le imprese - prosegue il vicepresidente di Conftrasporto-Confcommercio - rischia di non curare il Paese e la sua muscolatura economica. Bisogna fornire risorse a fondo perduto per le micro aziende, alzare al 100% le garanzie e spostare al 2021 la sospensione dei contributi e dell`Iva".

"Senza queste misure, l`ammontare di garanzie, seppur adeguate, sarà vanificato da una complessità operativa che potrebbe azzerarne gli effetti costringendo le imprese ad attendere mesi e mesi per ricevere i soldi che aspettano". E ancora: "Lo Stato si finanzia attraverso la BCE; allora perché far pagare interessi ai cittadini? Il tempo per le modifiche esiste, il Governo faccia uno sforzo ulteriore per recepire questo grido d`allarme", aggiunge Uggè, che ritiene indispensabile reagire come di fronte alle calamità naturali, dando cioè soldi a fondo perduto.

"Il Governo per l`emergenza sanitaria si è circondato di esperti ed eminenti scienziati che talvolta forniscono pareri molto contrastanti tra loro. Perché non si avvale, per i temi economici, di esperti industriali, logistici, banchieri ed economisti per provvedimenti che hanno la necessità di essere affrontati sentendo il parere di chi opera direttamente sul campo?", conclude il presidente di Conftrasporto-Confcommercio.

E.G.


09 Aprile 2020
Powered by Adon