I sindacati di categoria indicono uno sciopero dei lavoratori Ama per "gravi eventi lesivi della sicurezza e incolumità dei lavoratori" Roma, sindacati: il 20 aprile sciopero dei lavoratori Ama

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2345 6
7 89 10 1112 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LAZIO

Roma, sindacati: il 20 aprile sciopero dei lavoratori Ama


"Sarà ancora lunga l'emergenza. Non possiamo permetterci questa inefficienza. Dopo decine di riunioni e un accordo non rispettato, dopo più di un mese di risposte evasive di Ama sulla salute e sicurezza di migliaia di dipendenti che hanno a che fare con la spazzatura in un periodo di pandemia, proclamiamo lo sciopero dei lavoratori per il prossimo lunedì 20 aprile, per "gravi eventi lesivi della sicurezza e incolumità dei lavoratori". Tutti i passi avanti sono stati conquistati da lavoratori e sindacati. Ma è intollerabile essere presi in giro sulla vita delle persone, che continuano a operare in condizioni inadeguate di sicurezza, mentre l'amministratore unico dell'azienda, Stefano Zaghis, dichiara trionfalmente tutto il contrario". E' quanto dichiarano, in una nota congiunta, i Segretari Generali di Fp-Cgil, Fit-Cisl e Fiadel di Roma e Lazio, Gian Carlo Cenciarelli, Marino Masucci e Massimo Cicco, a seguito della proclamazione dello sciopero fatta congiuntamente dalla Rsu aziendali e dalla sigle sindacali.

“L'astensione – proseguono - riguarderà tutti i turni di lavoro con inizio nell'arco della giornata del 20 aprile e conseguentemente, saranno garantiti soltanto i minimi di servizio. Dopo la morte di un dipendente di Ama, e con un altro lavoratore in gravi condizioni, a tutt'oggi mancano misure efficaci per salvaguardare la salute dei lavoratori e non sono stati rispettati i punti dell'accordo siglato lo scorso 3 aprile; a tutt'oggi resta la chiusura delle docce per i lavoratori, effettuata in modo unilaterale dall'azienda e senza alcun parere medico-scientifico; ai lavoratori, che corrono particolari rischi biologici, viene data una sola mascherina monouso FFp2 e FFp3, e in seconda battuta KN95 a settimana, da utilizzare per sei interi turni di lavoro. Non sono temi su cui si può scherzare".

"E' vergognoso - concludono - che la salute pubblica, e quella di oltre 7mila famiglie, sia messa quotidianamente a repentaglio, tutto ciò nel silenzio assordante delle istituzioni".

E.G.


15 Aprile 2020
Powered by Adon