Si tratta di una flessione senza precedenti, superiore alla crisi del 2008-2009. Istat, a marzo la produzione crolla del 36%

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2345 6
7 89 10 1112 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

COSTRUZIONI

Istat, a marzo la produzione crolla del 36%


Correlati

Flessione senza precedenti per la produzione nelle costruzioni. A marzo 2020 si stima che l'indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni diminuisca drasticamente, registrando un calo del 36,2% rispetto a febbraio 2020. Su base annua, l'indice grezzo della produzione nelle costruzioni diminuisce del 33,1%, mentre l'indice corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 22 contro i 21 di marzo 2019) cala del 35,4%. Lo ha comunicato l'Istat.

Nella media del primo trimestre 2020, la produzione nelle costruzioni mostra una flessione del 6,8% rispetto al trimestre precedente.

"A marzo le condizioni della domanda e le misure di contenimento dell'epidemia di Covid-19 determinano una flessione senza precedenti della produzione nelle costruzioni. In termini tendenziali l'indice corretto per gli effetti di calendario mostra una diminuzione che è la maggiore della serie storica disponibile (con inizio nel 1995), superando per entità la contrazione, già consistente, registrata nel corso della crisi del 2008-2009 e, successivamente, nel 2012-2013. Eccezionale anche la caduta dell'indice destagionalizzato in termini mensili".

TN


19 Maggio 2020
Powered by Adon