Lo ha detto Luigi Sbarra, Segretario Generale Aggiunto Cisl intervenendo ad un incontro con le strutture Cisl su Ammortizzatori Sociali e Politiche del Lavoro. Sbarra (Cisl), ancora non si vede il testo del decreto Rilancio, il governo agisca subito

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2345 6
7 89 10 1112 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

FASE 2

Sbarra (Cisl), ancora non si vede il testo del decreto Rilancio, il governo agisca subito


"Il Governo acceleri la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale  del Decreto Rilancio e le  liquidazioni degli ammortizzatori sociali. A sei giorni dalla esposizione ufficiale dei contenuti del nuovo provvedimento, non si vede ancora un testo definitivo. Un ritardo che genera incertezza e apprensione, specialmente tra le realtà sociali e produttive più colpite dalla crisi. Non vorremmo davvero che queste drammatiche ore fossero utilizzate per limare e ridurre determinanti capitoli di spesa sociale". Lo ha detto Luigi Sbarra, Segretario Generale Aggiunto Cisl intervenendo ad un incontro con le strutture Cisl su Ammortizzatori Sociali e Politiche del Lavoro. "Bisogna mettere subito in campo risorse e strumenti - aggiunge - per garantire in particolare il rifinanziamento, il potenziamento e la rapida fruibilità di tutti gli assegni di cassa integrazione e di solidarietà bilaterale. Sono milioni le persone rimaste a reddito zero da quasi tre  mesi: una condizione drammatica, insopportabile, che sta alzando la tensione sociale a livelli allarmanti. Non c’è tempo da perdere: occorre liquidare urgentemente tutte le prestazioni di sostegno al reddito, semplificare le procedure di autorizzazione, garantire le coperture finanziarie e la fruibilità sino alla fine dell’anno. Abbiamo apprezzato l’impostazione difensiva del decreto, anche se alcune ombre non mancano - sottolinea ancora il sindacalista -. Sbagliata e grave, in particolare, è la distribuzione annunciata delle settimane supplementari di Cassa Integrazione: i vincoli condannano tante aziende che hanno attivato gli ammortizzatori già a fine febbraio/primi di marzo  ad esaurire le settimane aggiuntive a giugno. Le risorse per gli ammortizzatori restano poi ancora sottostimate e palesemente insufficienti ad assicurare la continuità alle prestazioni anche solo fino all’autunno. Ma al di là dei nodi da sciogliere, che non mancano e su cui chiediamo un concreto impegno al miglioramento, è di tutta evidenza che serve subito il via libera definitivo per la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, in modo che le norme entrino in vigore. Lasciare passare altro tempo, o peggio ancora lavorare di forbice in queste ore, vuol dire aumentare una pressione sociale già al limite. Il Governo agisca subito".

TN


19 Maggio 2020
Powered by Adon