I lavoratori dell'appalto Ama di raccolta rifiuti per le utenze non domestiche, che rischiano il lavoro in Roma Multiservizi, manifestano con i sindacati davanti alla sede dell'azienda, dopo che il tavolo di confronto, facilitato dal Campidoglio, è saltato. Ama, salta tavolo Multiservizi, manifestazione davanti alla sede

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 1213 1415 16
17181920 212223
2425 2627 28 29 30
31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ROMA

Ama, salta tavolo Multiservizi, manifestazione davanti alla sede


Dalle 9.30 d questa mattina i lavoratori dell'appalto Ama di raccolta rifiuti per le utenze non domestiche, che rischiano il lavoro in Roma Multiservizi, manifestano con i sindacati davanti alla sede dell'azienda, dopo che il tavolo di confronto istituzionale sulla vertenza facilitato dal Campidoglio è saltato ieri sera.

"Siamo con i lavoratori davanti alla sede di Roma Multiservizi e denunceremo il cinismo di chi dopo aver usato queste persone fa pagare a loro le proprie incapacità e inefficienze, usandoli come ostaggi per alzare la posta in gioco", scrivono Fp Cgil, Fit Cisl, Fiadel.

Il tavolo, hanno spiegato i sindacato "è stato breve, vista l'assenza delle aziende e in particolare della capofila dell'associazione temporanea di impresa, Roma Multiservizi", che ha evidentemente deciso di esasperare lo scontro e di causare un'emergenza sociale. Abbiamo quindi abbandonato la seduta perché c'è un limite che non possiamo valicare, ovvero il rispetto delle persone che rappresentiamo, della loro dignità e del prezioso contributo che hanno dato alla città con il proprio lavoro.

"Restano appese a un filo - proseguono i sindacati - le sorti di 270 lavoratrici e lavoratori a causa delle inefficienze di AMA, incapace di mantenere la stessa posizione per più di un incontro e assolutamente priva di controllo su una società di cui è proprietaria al 51%".

La sindaca Virginia Raggi, hanno attaccato i sindacati nella nota, "non pervenuta. La grande assente in questa operazione di macelleria sociale che sfrutta l'emergenza Coronavirus".

Una assente per i sindacati ma presente per Radio 24, che proprio oggi ha intervistato la sindaca Raggi: "Credo che i risultati della nostra amministrazione piano piano, nonostante tante narrazioni, - spiega la sindaca - si comincino a vedere. Il dialogo con le categorie e i sindacati, non è mai venuto meno. Anzi: io mi fatta portavoce con il Governo delle istanze della città e delle categorie, come nel caso del taglio della Cosap, e le categorie lo sanno".  

E.G.


20 Maggio 2020
Powered by Adon