Investimenti, innovazione, formazione e ruolo dello Stato. Sono questi gli elementi sui quali pensare una mobilità diversa, capace di rilanciare l’intero sistema paese, emersi nel corso dell’iniziativa “Dove andiamo”, promossa da Cgil, Fiom e Filt Ripensare il paese attraverso la mobilità

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2345 6
7 89 10 1112 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LAVORO

Ripensare il paese attraverso la mobilità


Il tema è chiaro: avviare un confronto permanente con l’esecutivo per governare al meglio i focolai di crisi e le trasformazioni che stanno investendo la mobilità e i trasporti. Aprire insomma una serie di tavoli incentrati sui vari comparti dei trasporti, dell’automotive, della cantieristica e dell’acciaio, tra loro strettamente collegati. Sono queste le richieste, ribadite con forza, da Cgil, Fiom e Filt nel corso dell’iniziativa “Dove andiamo”, sul tema della mobilità.

L’emergenza da coronavirus ha ridisegnato, in modo significativo, la mobilità aerea, su rotaia e nelle nostre città, ha spiegato Stefano Malorgio, segretario generale dei trasporti della Cgil. Con la pandemia, Alitalia ha visto un calo dei voli del 90%, in linea con le altre compagnie. Anche il trasporto su rotaia ha visto una riduzione di passeggieri del 90%, con le merci che sono crollate del 50%. Percentuali analoghe si riscontrano sulla rete autostradale, con una diminuzione del traffico dell’80%, mentre nel trasporto pubblico urbano e extra urbano c’è stato un taglio di oltre l’80% dell’offerta.

Queste percentuali hanno causato un abbassamento dei ritmi lavorativi e una profonda mutazione dell’organizzazione del lavoro. Il 70% di chi lavora nel trasporto delle persone ha dichiarato che l’azienda ha introdotto procedure digitali per garantire al meglio la sicurezza, con lo smart working che ha interessato il 30% dei dipendenti. Vertiginosa è stata la crescita dell’e-commerce, con un balzo, in termini percentuali, del 160% nell’ultima settimana di marzo.

Prospettive non altrettanto incoraggianti anche nel settore dell’automotive. A marzo il calo della produzione è stato del 64%, e ad aprile le immatricolazioni delle auto sono crollate del 100%. Tutti i principali gruppi del comparto auto, cantieristica e aerospazio - Fca, Fincantieri e Leonardo - hanno fatto ricorso alla Cassa integrazione per affrontare il lockdown, ha ricordato la segretaria generale della Fiom, Francesca Re David. Sul prestito relativo a Fca, la leader della Fiom e il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, hanno rimarcato la necessità di condizioni stringenti e di un monitoraggio costante degli investimenti, dei livelli occupazionali e dell’innovazione che l’azienda vorrà garantire.  Chi invoca la questione del cambio della sede legale e fiscale da parte di Fca, ha precisato Re David, è in ritardo di sei anni. Il trasloco, rispettivamente in Olanda e Uk, di cui si parla in questi giorni, è infatti datato 2014.

Ragionando in una prospettiva più ampia, di filiera, la numero uno dei metalmeccanici ha ricordato la difficile situazione che sta vivendo l’acciaio italiano, con la vicenda dell’ex-Ilva a tenere sempre banco. Lunedì prossimo ci sarà l’incontro con azienda e governo, ma al momento, ha puntualizzato Re David, non c’è nessuna conferma sul fatto che ArcelorMittal voglia lasciare o meno Taranto.

Nel suo intervento Landini ha detto come il governo abbia messo in campo "importanti provvedimenti" per sostenere il reddito delle persone, ma "oggi bisogna uscire dall'emergenza e avere un progetto per il Paese". Un rilancio che per il segretario generale della Cgil passa anche attraverso un ripensamento della mobilità, che guardi alla sostenibilità, all’innovazione e alla valorizzazione delle competenze professionali.

Per il numero uno del sindacato di Corso d’Italia "la progettazione non può farla qualcuno da solo, ma devono farla tutti i soggetti coinvolti. Chiediamo che il governo attivi dei tavoli in cui si progetti e si superi la logica di separazione tra settori e comparti. La mobilità è un elemento di trasversalità. Alle imprese invece diciamo che c'è bisogno di investire di più in termini di innovazione e prodotto”.  Per questo Alitalia può essere un player strategico, un vettore per il rilancio del made in Italy.

“Siamo dentro un'idea - ha concluso Landini - che cambia il come si spostano le persone e il sistema dei trasporti può essere un mezzo per valorizzare il turismo e le nostre competenze. Il fatto che nel mese di massima chiusura gli acquisti tramite Internet siano schizzati, è un fatto che dobbiamo tenere presente. Siamo dentro un processo di trasformazione digitale. Bisogna pensare come le persone governano questo processo e non come sono condizionate e governate dalla tecnologia. C'è bisogno di un ruolo pubblico. Non c'è bisogno di meno Stato, ma di più Stato, in termini di programmazione e investimenti. Per farlo c'è bisogno di investire sulla qualità del lavoro delle persone".

Tommaso Nutarelli


21 Maggio 2020
Powered by Adon