Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1234
5 6789 10 11
1213 1415 16 17 18
192021 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ECONOMIA

La Bce stima un calo del Pil dell’8,7% nel 2020


I tecnici della Bce hanno elaborato tre diversi scenari previsionali, nell'aggiornamento pubblicato oggi su Pil e inflazione dell'area euro del triennio in corso. Nello scenario di base il Pil 2020 subirebbe un meno 8,7%, con un rimbalzo del 5,2% nel 2021 e un ulteriore più 3,3% nel 2022. C'è poi uno scenario "grave", in cui invece la caduta del Pil 2020 sarebbe del meno 12,6%, a cui seguirebbe un più 3,3% nel 2021 e più 3,8% nel 2022.

C'è però anche uno scenario "mite", in cui la caduta del Pil 2020 si limiterebbe al meno 5,9%, con un rimbalzo del 6,8% nel 2021 e un più 2,2% nel 2022.

Fondamentalmente "lo scenario mite assume un successo nelle misure di contenimento del virus, mentre lo scenario grave - spiega la Bce nelle previsioni - ipotizza una nuova forte insorgenza di contagi e una estensione di misure di contenimento rigorose fino a metà 2021".

Meno marcate le differenze sull'inflazione prevista: 0,3% nello scenario base 2020, 0,2% nello scenario grave e 0,4% in quello mite. Sulla disoccupazione, secondo i tecnici della Bce raggiungerebbe un picco del 12,5% nel 2021 nello scenario grave mentre rientreberbbe all'8% nello scenario mite nel 2022.

TN


04 Giugno 2020
Powered by Adon