Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1234
5 678 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ECONOMIA

Fmi, calo del 12,8% del Pil dell’Italia


Il Fondo monetario internazionale vede ancor più nero per quest'anno e taglia le stime di crescita per il 2020, prevedendo una flessione del Pil mondiale del 4,9% contro il - 3% stimato ad aprile. "Rispetto ad aprile c'è un grado di incertezza più elevato", spiega l'Fmi, "la pandemia ha avuto un impatto sull'economia nella prima metà del 2020 più negativo di quanto previsto e si prevede che la ripresa sarà più graduale di quanto precedentemente stimato", con l'occupazione che subirà un impatto "catastrofico" dalla crisi.

Nessun Paese si salva dal taglio delle stime: per gli Stati Uniti l'Fmi prevede una contrazione dell'economia dell'8% (- 5,9% ad aprile), per l'eurozona un - 10,2% (- 7,5% ad aprile). Per l'Italia, in particolare, il Fondo stima un crollo del Pil del 12,8% rispetto alla precedente previsione di - 9,1%. Anche per la Spagna si stima una caduta del 12,8% (dal precedente - 8%), per la Francia del 12,5% (da - 7,2%), per la Germania del 7,8% (da - 7%). Fuori dall'Europa, la Cina crescerà solo dell'1%.

L'anno prossimo, stima l'Fmi, il Pil globale crescerà del 5,4%, un po' meno rispetto al + 5,8% previsto ad aprile. Nel dettaglio, per gli Stati Uniti è previsto un rimbalzo del 4,5% e per l'eurozona del 6% (da + 4,7%), con l'Italia che crescerà del 6,3% (dal precedente + 4,8%), come la Spagna, la Francia del 7,3%, la Germania del 5,4%.

In ulteriore peggioramento i conti pubblici: secondo il Fondo monetario il rapporto tra deficit e Pil del nostro Paese risulterà pari al 12,7% quest'anno (contro l'8,3% stimato ad aprile) e il rapporto col debito volerà al 166,1% (dal precedente 155%).

TN


24 Giugno 2020
Powered by Adon