Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1234
5 6789 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LAVORO

Non è un paese per donne: nel 2019 dimissioni dal lavoro per oltre 37 mila madri


Sono 37.611 le madri lavoratrici che si sono dimesse nel corso del 2019, in aumento rispetto alle 35.963 dell’anno precedente. I padri che hanno lasciato il posto sono stati invece 13.947.

I dati sono quelli dell’Ispettorato del Lavoro, che ogni anno aggiorna le informazioni sulle convalide di dimissioni e risoluzioni consensuali di madri e padri. In tutto, si legge nel Rapporto, sono stati emessi 51.558 provvedimenti, con un incremento sull’anno prima (+ 4%).

E come di consueto la maggior parte, il 73% dei casi, ha riguardato le madri. Il motivo retrostante al fenomeno è anche nel gap salariale tra uomini e donne: quando si tratta di dover rinunciare a uno dei due stipendi,  si sceglie ovviamente di lasciare quello che "vale" di meno. Ed è noto che le donne, anche a parità di inqudramento, prestazione e carriera, guadagnano meno dei colleghi maschi. Forse, se si iniziasse ad affrontare le varie "questioni femminili" anche da questo punto di vista, e non soltanto col "buono baby sitter", qualcosa cambierebbe.

Le dimissioni censite dall'ispettorato sono,  teoricamente, dimissioni volontarie (49 mila) ma motivate dalla difficolta' di conciliare tempi di lavoro e di vita privata. Problema che riguarda essenzialmente le donne, cosi come risulta dal questionario dell'Ispettorato. Difficoltà registrata in quasi 21 mila casi e dovuta, stando all’analisi dell’Ispettorato, all'assenza di aiuti famigliari (mamme, nonne, zie ecc) e al costo elevato di baby sitter o asili nido. Ma anche dal comportamento delle aziende, che non vengono incontro alle esigenze delle famiglie: secondo l’Ispettorato, infatti, solo il 21% delle richieste di part time o flessibilità lavorativa, presentate da lavoratori con figli, è stato accolto. Per contro, sempre le donne sono "destinatarie" delle richieste "che non si possono rifiutare" sul part time "involontario". Insomma. Non è un paese per donne che lavorano, e tanto meno per madri. Difficile poi lamentarsi se la demografia ci punisce. 

N.P.


24 Giugno 2020
Powered by Adon