Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123
456 78 910
11121314151617
181920212223 24
2526272829 3031

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

QUI EUROPA

Alleate in Italia e in Europa per il FSE e il bilancio di genere


Impietosamente i dati Europei e Italiani ci sbattono in faccia che la situazione della parità di genere è drammatica in Italia e soprattutto nel confronto europeo. Se ne siamo consapevoli anziché continuare ad essere politicamente separate dovremmo unire le nostre forze. Soprattutto sul piano delle proposte concrete. L'uguaglianza di genere è un diritto fondamentale riconosciuto, un valore fondamentale e un obiettivo dell'UE. L'uguaglianza tra donne e uomini è sancita dal trattato di fondazione dell'Unione europea. Il Patto europeo per l'uguaglianza di genere e il pilastro europeo dei diritti sociali sanciscono l'uguaglianza di genere e un migliore equilibrio tra vita professionale e vita privata come elementi chiave che devono essere integrati nei fondi dell'UE. Tutti questi impegni rafforzano le basi per il bilancio di genere, così come i principali impegni internazionali, che vanno dalla Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo al patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali e gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS). L'uguaglianza di genere non è solo un obiettivo globale autonomo a sé stante  e un elemento trasversale di tutti i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, ma include anche un indicatore specifico sul bilancio di genere. Dunque lo strumento del Bilancio di genere può essere utilizzato dalle autorità di gestione per garantire  che gli attori interessati, in particolare quelli con competenze di genere, sono inclusi nei processi di programmazione e monitoraggio dei fondi dell'UE; che tutte le organizzazioni coinvolte nella progettazione e nell'attuazione dei programmi dei Fondi dell'UE integrino l'analisi di genere nella loro prassi. Il nostro paese deve pretendere  che i partner dei fondi dell'UE che guidano la programmazione e l'attuazione del FSE, supervisionano i risultati del programma e approvano i criteri di selezione dei progetti e i piani di valutazione siano esperti anche di genere. Il loro ruolo è quello di garantire la qualità dei processi dei fondi dell'UE, nonché l'allineamento con gli obiettivi generali dell'UE e degli Stati membri (CPR, articolo 6). I partner pertinenti sono specificamente rappresentati nei comitati di monitoraggio dei fondi dell'UE (CPR, articolo 34). Per il periodo successivo al 2020, la Commissione propone di "dare un ruolo più importante ai comitati di controllo nella supervisione dei risultati del programma e di tutti i fattori che ne derivano" (CPR, Memorandum esplicativo).Includere attori rilevanti dal punto di vista del genere, in particolare quelli con esperienza, nella governance multilivello è importante per diversi motivi. Il coinvolgimento dei partner rilevanti per il genere dalla frase di pianificazione di un intervento fino alla fase di valutazione consente di identificare le preoccupazioni e le implicazioni specifiche del genere che potrebbero non essere state prese in considerazione inizialmente. Tali partner e partenariati svolgono un ruolo importante nel migliorare le decisioni e le politiche pubbliche per affrontare gli attuali problemi complessi e multidimensionali. Ciò è particolarmente rilevante per la disuguaglianza di genere. Per affrontare questo problema è necessaria una comprensione approfondita degli impatti delle norme sociali, dei valori, della razionalità e del comportamento sociale. Gli stakeholder e i beneficiari, sia donne che uomini, possono essere influenzati in modo diverso dalle decisioni di ordine pubblico e del programma. Essi possono avere priorità e prospettive diverse sull'allocazione delle risorse. Garantire una prospettiva di genere nell'analisi dei programmi e nell'equilibrio di genere nell'impegno degli stakeholder, ci offre una prospettiva più ampia e una comprensione più forte delle diverse realtà vissute di donne e uomini. I partenariati con gli esperti possono costruire capacità per l'analisi di genere, rafforzando nel contempo la comprensione delle dimensioni di genere dell'implementazione del programma e della progettazione del progetto. Il dialogo con i partner è inoltre fondamentale per identificare potenziali azioni correttive o aggiuntive nell'ambito di programmi e progetti. Ciò può essere perseguito attraverso consultazioni con organizzazioni della società civile che si occupano di parità di genere e con organismi statali competenti responsabili della promozione della parità di genere. La diversa rappresentanza contribuisce anche alla sensibilizzazione e allo sviluppo delle capacità sulla parità di genere per tutte le parti coinvolte. Ciò si ottiene creando opportunità per i partner e i responsabili politici rilevanti per il genere di scambiare esperienze e informazioni sull'integrazione di genere, l'uguaglianza e le disuguaglianze in vari settori politici. Ciò favorisce l'apprendimento reciproco, l'arricchimento e risultati migliori grazie agli input dei partner con una conoscenza esperta delle questioni legate al genere. Un'interazione sostenuta e significativa tra i responsabili delle politiche e tali parti interessate crea spazio per una maggiore trasparenza e fiducia. Questo, a sua volta, può portare a un maggiore impegno nell'applicazione dei principi di parità di genere. I partner rilevanti per il genere, come le organizzazioni femminili e gli esperti di genere, rafforzano la responsabilità in materia di impegni in materia di parità di genere. Essi servono da "torri di controllo", sorvegliano i processi di politica pubblica al fine di garantire che i governi rispettino i loro impegni  e i loro obiettivi di parità di genere e siano ritenuti responsabili di tali impegni.

Alessandra Servidori


03 Luglio 2020
Powered by Adon