Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LAVORO

Istat, a giugno sale a + 0,1% l'indice delle retribuzioni contrattuali orarie


A giugno l'indice delle retribuzioni contrattuali orarie è aumentato dello 0,1% rispetto a maggio e dello 0,6% nei confronti di giugno 2019. Lo rileva l'Istat. La retribuzione oraria media nei primi sei mesi dell'anno è cresciuta dello 0,6% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Nel dettaglio, l'aumento tendenziale registrato a giugno è stato dello 0,8% per i dipendenti dell'industria, dello 0,6% per quelli dei servizi privati e dello 0,3% per quelli della pubblica amministrazione. I settori che presentano gli aumenti tendenziali più elevati sono quelli del credito e delle assicurazioni e degli alimentari (+ 2,3%) e dell'energia elettrica e gas (+ 1,5%).

L'incremento è invece nullo per i settori del legno, carta e stampa, del commercio, delle farmacie private, delle telecomunicazioni e degli altri servizi privati.

Inoltre, secondo l'Istat la quota di dipendenti in attesa di rinnovo da inizio anno si mantiene stabilmente oltre l'80%, attestandosi sui valori più elevati della serie.

In particolare, i contratti che a fine giugno sono in attesa di rinnovo ammmontano a 52 e sono relativi a circa 10,2 milioni di dipendenti -  l'82,4% del totale - cui corrisponde un monte retributivo pari all'81,6%. Entrambe le quote sono più elevate di quelle osservate sia alla fine del trimestre precedente (a marzo pari rispettivamente a 80,4% e 79,9%) sia dodici mesi prima (a giugno 2019 pari a 42% e 44,2%).

Alla fine di giugno i contratti collettivi nazionali in vigore per la parte economica (21 contratti) riguardano il 17,6% dei dipendenti - circa 2,2 milioni - e un monte retributivo pari al 18,4% del totale. Nel periodo aprile-giugno nessun nuovo accordo è stato recepito, mentre ne è scaduto uno (tessili, vestiario e maglierie).



E.G.


29 Luglio 2020
Powered by Adon