Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123
456 78 910
11121314151617
181920212223 24
2526272829 3031

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ECONOMIA

Recovery fund, Piano nazionale: raddoppiare crescita da 0,8 a 1,6%


Allegati
Linee guida Piano Nazionale

Cliccare per aprire il file

Il Piano di rilancio e resilienza predisposto dal governo per l'uso delle risorse del Recovery fund prevede nel lungo periodo di "raddoppiare il tasso di crescita dell'economia italiana, (0,8% nell'ultimo decennio) portandolo quantomeno in linea con la media Ue (1,6%).

"Conseguire un aumento del tasso di occupazione di 10 punti percentuali per arrivare all'attuale media Ue (dal 63% al 73,2%).

Tra gli "obiettivi economico-sociali" di lungo termine del governo ci sono poi: "elevare gli indicatori di benessere, equità e sostenibilità ambientale, ridurre i divari territoriali del Pil, crescita demografica, abbattere l'abbandono scolastico e l'inattività dei giovani, migliorare la preparazione degli studenti e la quota dei diplomati e dei laureati, rafforzare la sicurezza del paese di fronte alle calamità naturali".

Tra le missioni indicate nelle linee guida del piano di rilancio da attuare attraverso i fondi del Recovery fund il governo indica anche: "rivoluzione verde e transizione ecologica".

L'obiettivo è realizzare: "investimenti finalizzati a conseguire obiettivi European Green Deal; infrastrutture per la graduale de-carbonizzazione dei trasporti e mobilità di nuova generazione; adozione di piani urbani per il miglioramento della qualità dell'aria; miglioramento efficienza energetica e antisismica edifici pubblici e stabilimenti produttivi; gestione integrata del ciclo delle acque, protezione ambiente e mitigazione rischi idrogeologici e sismici; riconversione produzione e trasporto energia in chiave sostenibile; investimenti per economia circolare; sostegno alla transizione ecolgica per agricoltura, industria e siderurgia (Taranto); valorizzazione sostenibile del patrimonio culturale".

Inoltre, gli obiettivi messi nero su bianco dal governo nelle linee essenziali per il Piano nazionale Ripresa e resilienza sono la "riduzione strutturale del cuneo fiscale sul lavoro tramite una riforma Irpef in chiave progressiva"; il "sostegno alle famiglie e alla genitorialità in raccordo con il Family Act"; la "revisione dei sussidi, con particolare attenzione a quelli dannosi per l`ambiente". E ancora: il "pieno utilizzo e interoperabilità delle banche dati nel rispetto della privacy", il "contrasto all`evasione fiscale, promuovendo l`uso dei pagamenti digitali e migliorando le risorse delle agenzie fiscali e delle autorità di controllo" e la "semplificazione degli adempimenti per i contribuenti e le imprese".

Le finalità, scrive il governo, sono: il "miglioramento dell`equità, efficienza e trasparenza del sistema tributario", l'aumento dell'offerta di lavoro e gli investimenti materiali e in R&S delle imprese" e il "contributo al conseguimento degli obiettivi di sostenibilità ambientale e sociale".

Nero su bianco anche la tempistica: la "presentazione" della Legge Delega "entro fine 2020" e l'emissione dei decreti "entro fine 2021".

Ancora, il governa ha sottolineato che per realizzare "equità e inclusione sociale e territoriale" il Piano prevede anche "l'attuazione del Piano per la famiglia (Family act) raccordata alla riforma dell'Irpef, politiche attive per il lavoro e l'occupazione giovanile, empowerment femminile: formazione, occupabilità, autoimprenditorialità". E ancora "attuazione del Piano Sud 2030 e della strategia nazonale delle aree interne; rigenerazione e riqualificazione dei contesti urbani, borghi e aree interne".

E.G.


09 Settembre 2020
Powered by Adon