Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123
456 78 910
11121314151617
181920212223 24
25 26 27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

SINDACATI

Bombardieri, il governo ci convochi e ci ascolti sul Recovery Fund


“Il governo si confronti con noi per cambiare strada: ascolti queste piazze. La mobilitazione continua perché cambiare è possibile e questa comunità ci riuscirà”. Così il leader Uil, Pierpaolo Bombardieri a margine della manifestazione unitaria di Cgil Cisl e Uil per chiedere al governo un cambio di passo nelle politiche sul lavoro. “A chi parla di rivoluzione  - detto il segretario generale della Uil -  diciamo che se ci dovessero costringere, la rivoluzione la faremo noi, restituendo dignità al lavoro e ai lavoratori. Stiano meno nei palazzi del potere e sui social e stiano di più nelle piazze, tra la gente. Noi oggi siamo in piazza per ridisegnare un paese diverso, per ripartire dalla dignità dei lavoratori e delle lavoratrici. Sul recovery Fund i sindacati attendono ancora una convocazione da parte del premier "con cui non abbiamo avuto la possibilità di confrontarci".

E sullo slittamento del round previsto invece con il ministro dello Sviluppo, replica ironicamente: "Il ministro Patuanelli? È talmente tanto tempo che non lo incontriamo sulle crisi aziendali che ci siamo rivolti a quelli di 'Chi l'ha visto?'. La convocazione comunque è stata aggiornata per questioni di agenda, aggiunge Bombardieri che spiega ancora: "Ci ha convocato per chiederci i nostri progetti sul Recovery fund: io spero che sia il governo ad avere una idea, delle proposte su cui far crescere il Paese", replica ipotizzando l'aggiornamento dell'incontro alla prossima settimana.

TN


18 Settembre 2020
Powered by Adon