Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123
456 78 910
11121314151617
181920212223 24
2526272829 3031

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LAVORO

Temporary Management per le PMI di filiera: il caso Enel


Il cuore operativo del programma, dedicato ad una popolazione potenziale di circa 400 PMI fornitrici di Enel e operanti in settori ritenuti strategici, consiste nella possibilità di accedere ad una serie di servizi a condizioni contrattuali di particolare favore preventivamente negoziate da Enel con una rete di partner selezionati: istituzioni finanziarie, business school, società di formazione tecnica, società di consulenza e di advisory, società di temporary management.

Obiettivo:  favorire la crescita finanziaria e manageriale, attraverso efficienza dei costi, miglioramento dei processi di innovazione e di sostenibilità, capacità di espandere le attività all’estero e su nuove aree merceologiche.

Il progetto trova origine e motivazione dall’obiettivo di Enel di sviluppare un nuovo modello di relazioni con le PMI della propria filiera, basato sulla condivisione di purpose, valori e obiettivi,  che va oltre la mera relazione contrattuale cliente-fornitore.

In quest’ottica, il programma rappresenta un “ecosistema di opportunità” che intende mettere a disposizione delle aziende “meritevoli” servizi finanziari, di training e di advisory a condizioni di miglior favore negoziate da Enel con aziende leader.

E’ anche previsto che Enel possa contribuire alla copertura dei costi dei servizi in particolare sui servizi di advisory e di training.

I destinatari del Programma sono chiaramente definiti: si parla soprattutto di PMI, con un fatturato fino a 250 Mln di euro, che operino in ambiti di particolare interesse per Enel e che possano dimostrare significative performance su tematiche come la sicurezza, l’attenzione all’ambiente, la capacità di innovare e il rispetto dei diritti umani.

Il merito è fondamentale, sia per accedere sia permanere all’interno del Programma: i requisiti verranno verificati ogni 6 mesi e nuovi Fornitori potranno essere selezionati se li rispetteranno. Allo stesso modo, potrà uscire dal Programma chi perderà i requisiti. I settori di interesse, denominati “target”, sono strategici per Enel e sono riconducibili a forniture, lavori e servizi negli ambiti delle attività di Enel X, Global Infrastructure & Network e Global Power Generation.

Il tutto in maniera del tutto trasparente: i criteri utilizzati sono  disponibili all’interno del Regolamento pubblicato sul Portale del Global Procurement di Enel.

Ambiziose le aspettative da parte di Enel: ottenere una Supply Chain più solida, competente e sostenibile, di attirare nuovi fornitori e  contribuire a una maggiore competitività del sistema. Per le PMI meritevoli, anche per quelle più piccole e soprattutto per loro, la grande opportunità di poter fare un reale e concreto salto di competenze per diventare più forti e competitive.

In quest’ottica, è particolarmente significativo il fatto di aver inserito il temporary management tra i servizi considerati e offerti nell’ambito del Programma, come “uno strumento efficace al fine di impostare e supportare le aziende che ne usufruiscono verso la crescita e la differenziazione su nuovi mercati favorendo ed accelerando lo sviluppo di una imprenditorialità tipica di realtà più grandi”.

Il tema delle competenze e della strutturale sottomanagerializzazione delle PMI è riemerso con grande enfasi in tutte le analisi della crisi post COVID 19, dal Comitato guidato da Vittorio Colao nel documento «Iniziative per il rilancio Italia 2020-2022», a Carlo Bonomi, Presidente di Confindustria, nella sua conversazione con la Stampa Estera.

In quest’ottica,  il temporary management, anche in modalità part time per  aziende molto piccole, è uno strumento quasi ottimale per portare nelle PMI competenze di alto livello, immediatamente operative e in tempi molto brevi, e con la capacità di operare in un contesto straordinario come l’ attuale.

La conoscenza che le PMI hanno del temporary management è cresciuta nel tempo ed è oggi ad un buon livello: l’indagine sul temporary management del 2015 (progetto congiunto tra Leading Network e IIM-Institute of Interim Management Italy), rivela che il 60% delle aziende più piccole (sotto i 20 milioni di fatturato) lo conosce. Di pari passo con la conoscenza, cresce anche l’utilizzo che si assesta intorno al 10-12% a seconda delle classi di fatturato. La ricerca citata fornisce riscontri positivi anche nel caso delle aziende molto piccole: nella fascia tra 2 e 5 milioni di euro di fatturato, infatti, la conoscenza dello strumento è pari al 63% con un utilizzo pari all’8%,  soprattutto per progetti di lunga durata (es. 24 mesi), ma gestiti a tempo parziale.

L’imprenditore tende a vedere e a privilegiare quelle con un più immediato impatto sul conto economico (es. supply chain, produzione, area commerciale), mentre esistono due aree,  risorse umane e finanza, in cui sarebbe possibile generare rilevanti risparmi e ritorni di efficienza con interventi a tempo parziale e mirati su specifici obiettivi.

Per usare le parole di  Vincenzo Boccia (Confindustria): le imprese “devono metabolizzare il concetto che un dirigente, pur se con esperienza nella grande impresa, può fornire competenze strategiche anche per una azienda di piccole dimensioni”, ma anche i manager devono comprendere che “dovrebbero avvicinarsi maggiormente alle PMI, imparando a comunicare in modo chiaro quali benefici le aziende potrebbero trarre dal loro inserimento, anche temporaneo”

Il Programma ha infine uno sguardo anche verso l’estero ed è già in in fase di pianificazione l’avvio del programma sugli altri paesi dove il gruppo opera.

Secondo Enel, esiste all’estero un grande mercato aggredibile dalle PMI italiane a condizione di avere sufficienti “competenze e coraggio”;  potersi presentare con un player globale come  Enel può facilitare l’ingresso di aziende che molto probabilmente da sole non ce la farebbero o dovrebbero lavorare su tempi molto lunghi. Replicando il modello francese di internazionalizzazione che troppo spesso invidiamo e poco virtuosamente imitiamo.

Maurizio Quarta

Managing Partner di Temporary Management & Capital Advisors


30 Settembre 2020
Powered by Adon