Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2
3 45 678 9
101112131415 16
17 18 1920212223
242526 27 28 29 30
31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ACCIAIO

Ex Ilva, Fim-Cisl: fare subito chiarezza sul piano industriale


"Ribadiamo alla commissione e al Governo la necessità di conoscere a fondo i termini dell'intesa raggiunta dal Governo e da ArcelorMittal sul nuovo assetto societario e in particolare sui dettagli del piano industriale e occupazionale, alla luce di quanto ci è stato presentato dal commissario Domenico Arcuri nell'ultimo incontro, alla presenza dei ministri Patuanelli e Catalfo". Così il segretario nazionale della Fim-Cisl, Valerio D'Alò, nel corso di un'audizione in commissione Lavoro della Camera.

"Per noi - ha detto - è necessario capire come con un nuovo ciclo produttivo che dovrebbe prevedere 2 milioni di tonnellate di acciaio prodotte con elettrico sarà gestito l'organico attualmente presente e come verrà gestita l'occupazione nella fase di investimento, rifacimento e manutenzione del sito di Taranto fino al raggiungimento di 8 tonnellate di produzione nel 2025. Ribadiamo fin da ora che il nuovo assetto societario non potrà prevedere diminuzioni o riduzioni dell'organico. Come pure sugli altri siti del gruppo. Non da meno va chiarito come, con questo piano, saranno gestiti i lavoratori di Ilva in AS a cui va garantito il rientro a lavoro. Sarà necessario discutere di adeguati ammortizzatori sociali che possano garantire un salario dignitoso anche ai lavoratori che, nella realizzazione del piano, dovranno attraversare ulteriori periodi di cassa integrazione.

Se, come auspichiamo, tra 10 giorni lo Stato sarà di fatto presente all'interno della nuova società non si potranno più accettare ritardi nelle manutenzioni che mettono a rischio i lavoratori, né tantomeno proposte di esuberi. Nel contempo dovranno essere migliorate le relazioni industriali e il rapporto con i lavoratori fortemente compromesso in questi anni di gestione con ArcelorMittal. Chiediamo chiarezza e certezza sul piano ambientale sia dal punto di vista degli investimenti e delle opere che delle scadenze di realizzazione".

TN


02 Dicembre 2020
Powered by Adon