Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2
3 45 678 9
101112131415 16
17 18 1920212223
242526 27 28 29 30
31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ECONOMIA

Istat, nel 2020 calo del Pil dell'8,9%


Come per i principali partner europei, quest'anno il Pil italiano segnerà una "marcata contrazione" dell'8,9%. Ci sarà poi una "ripresa parziale" nel 2021 con una crescita del 4%. E' quanto stima l'Istat.

Nel 2020 la caduta del Pil sarà determinata prevalentemente dalla domanda interna al netto delle scorte (- 7,5 punti percentuali). Anche l'apporto della domanda estera netta e della variazione delle scorte risulterebbero negativi (rispettivamente - 1,2 punti percentuali e - 0,2 punti). Nel 2021, sottolinea l'istituto di statistica, il contributo della domanda interna tornerebbe positivo (+ 3,8 punti), cosi come quello della domanda estera netta (+ 0,3 punti), mentre le scorte fornirebbero un marginale contributo negativo (- 0,1 punti).

Nel biennio di previsione, l'evoluzione in termini reali della spesa delle famiglie e delle Isp (istituzioni sociali private, ndr) e quella degli investimenti registrerebbero una forte contrazione nell'anno corrente (rispettivamente - 10% e - 10,1% nel 2020) con un incremento del 4,5% e del 6,2% nel 2021. La spesa delle Ap (amministrazioni pubbliche, ndr) aumenterebbe con intensità differenziate nei due anni (+ 2% e + 0,1%).

L'evoluzione dell'input di lavoro, misurato in termini di Ula, seguirebbe quella del Pil, con un'ampia riduzione nel 2020 (- 10%) e una ripresa parziale nel 2021 (+ 3,6%). L'andamento del mercato del lavoro risentirebbe del processo di ricomposizione tra disoccupati e inattivi oltre che della progressiva normalizzazione dei provvedimenti a sostegno dell'occupazione.

Nell'anno corrente il tasso di disoccupazione diminuirebbe (9,4%) per poi tornare a crescere nel 2021 (11%).

L'andamento del deflatore della spesa delle famiglie residenti è atteso rimanere stabile nell'anno corrente per poi mostrare una moderata crescita nel 2021 (+ 0,6%). "L'attuale quadro previsivo - dice l'Istat - risulta fortemente condizionato dall'evoluzione dell'emergenza sanitaria e dalla disponibilità e dalla tempistica di somministrazione del vaccino". Allo stesso tempo la definizione delle misure legate al recovery and resilience facility program potrebbero rappresentare un ulteriore e robusto stimolo agli investimenti.

Rispetto al quadro diffuso a giugno, spiega l'Istat, le previsioni attuali tengono conto delle revisioni dei conti economici nazionali per il biennio 2018-2019 diffuse a settembre. Per il 2019 le nuove stime hanno portato a una revisione al rialzo degli investimenti (da + 1,4% a + 1,6%) e dei consumi nazionali (da + 0,2% a + 0,3%), mentre sono state riviste al ribasso le stime per le esportazioni (da 1,2% a 1,0%) e le importazioni (da - 0,4% a  -0,6%).

Al tradizionale aggiornamento dei dati di contabilità nazionale si aggiungono le revisioni delle componenti esogene del modello sia per il 2020 che per il 2021. Rispetto alle ipotesi di giugno, sono state riviste al rialzo le previsioni sul prezzo del petrolio per il 2020 da 33,7 a 41 dollari a barile) e sul tasso di cambio (da 1,09 a 1,14 nel 2020 e 1,18 nel 2021) mentre una attenuazione della caduta ha caratterizzato il commercio mondiale, passato nel 2020 da - 11,0% a - 10,2%.

L'insieme di questi aggiornamenti ha determinato una revisione al ribasso delle previsioni per il Pil pari a 0,6 punti percentuali per entrambi gli anni, da - 8,3% nel 2020 e + 4,6% nel 2021 a - 8,9% e + 4%. Rispetto alla domanda interna, le revisioni più significative riguardano, per il 2020, gli investimenti (+ 2,4 punti), la cui revisione è stata influenzata dal marcato aumento del terzo trimestre e, negativamente i consumi, fortemente condizionati dalle misure di contenimento per la diffusione del virus (- 1,3 punti). Per il commercio estero si è proceduto a una revisione al ribasso delle esportazioni per il 2020, mentre sono state riviste al rialzo le previsioni per il 2021 sia per le esportazioni (+ 2,3 punti) che per le importazioni (+ 2,2 punti).

La revisione sull'andamento del prezzo del petrolio ha avuto anche un impatto sui deflatori del Pil e della spesa delle famiglie residenti rispettivamente di + 0,6 punti e + 0,3 punti per il 2020.

TN


03 Dicembre 2020
Powered by Adon