Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2
3 45 678 9
101112131415 16
17 18 19202122 23
24 2526 27 28 29 30
31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

Bilancio di un anno che ha cambiato il mondo: il post virus una sfida per i progressisti


Il Covid-19 sta mettendo a dura prova le persone in  Europa e in tutto il mondo. Che si tratti del sistema sanitario, dell'economia, delle scuole o della politica: con una forza dirompente, il virus sta imponendo una perenne sensazione di stress a tutte le parti della società. Cambierà permanentemente le nostre vite? Questo è ancora da decidere. Ma una cosa è già certa: la pandemia sta rimodellando il quadro della politica progressista per gli anni a venire. Rafforza le tendenze di sviluppo sociale esistenti e le linee di frattura politica come in una realtà accelerata. Gli esperti sottolineano da anni le conseguenze economiche e sociali negative della crescente disuguaglianza.

L'Istituto di ricerca economica e sociale della Ue ha stabilito che i lavoratori a basso reddito durante la crisi del coronavirus registrano più spesso e in modo più proporzionale le perdite di reddito. Al contrario, i lavoratori con redditi medi e alti sono molto meno colpiti. Le persone con un background di immigrazione e i genitori single soffrono soprattutto di restrizioni legate all'occupazione. Si tratta di gruppi che hanno già un tasso di rischio di povertà molto più elevato. A questo punto, sono spesso i bambini dei più poveri ad essere i più colpiti dalle scuole chiuse e dalle strutture ricreative.

Non ci sono dubbi: il Corona virus approfondisce la divisione sociale e minaccia la coesione. Abbiamo bisogno di intervenire con maggiore urgenza, perché abbiamo meno margine di manovra. Per queste ragioni, gli obiettivi politici che i progressisti promuovono da tanto tempo sono diventati ancora più importanti: una giusta retribuzione in tutte le linee di lavoro; Investimenti per il futuro nell'istruzione e nella digitalizzazione, per proteggere il clima e nella sfera pubblica. Standard di vita uguali tra le regioni. Politiche sociali lungimiranti per le pari opportunità. Una politica fiscale socialmente equa. Trasformazione economica e sociale ecologica e sostenibile. Una politica di integrazione proattiva.

La principale sfida di fondo è che il senso di urgenza è ora più presente che mai. Tuttavia, le nuove assunzioni di prestiti, impegni finanziari e prevedibili perdite finanziarie, del tutto giustificate, riducono tutte le tutte le possibilità di manovra politica per il futuro. La politica di domani deve essere visionaria ed efficiente allo stesso tempo. Inoltre, le persone saranno pronte ad andare avanti con i necessari processi di trasformazione durante e dopo la pandemia? Dopotutto, il desiderio della "vecchia vita" è sorto durante le restrizioni indotte dalla corona - per la sicurezza familiare e il modo di comportarsi, per le vacanze in paesi stranieri e per lo shopping disinibito. È vero che la crisi del Coronavirus ha anche un "potenziale di solidificazione" (Reinhart Koselleck). Abbiamo bisogno di un nuovo consenso progressista della maggioranza. D'altra parte, un sondaggio del World Economic Forum di settembre riporta che la maggior parte degli europei (78%) spera che dopo la pandemia il mondo "cambierà significativamente" per essere più sostenibile ed equo. 

Norme e modelli di pensiero, modelli di lavoro e comportamenti di movimento possono attualmente cambiare, forse anche in modo così fondamentale che i cambiamenti potrebbero effettivamente rivelarsi permanenti. Per fare un esempio,  la condotta di alcuni governi democratici ha incontrato  approvazione e fiducia nelle istituzioni e nelle infrastrutture pubbliche, e un altro effetto positivo della pandemia potrebbe essere una nuova consapevolezza della vulnerabilità sociale e dell'importanza della scienza, con la quale potrebbe emergere una più ampia accettazione di politiche climatiche impegnative. Nel migliore dei casi emerge un nuovo consenso progressista della maggioranza Ue.

La politica progressista può e deve trasformare il potenziale della crisi della Corona in una finestra di opportunità. Il futuro non è garantito: le opportunità devono essere colte, o saranno semplicemente opportunità perse. Gli attori progressisti devono rimanere completamente svegli, soprattutto ora. Devono fare una campagna per le riforme, ma anche prendere sul serio la necessità di sicurezza. La sicurezza e il cambiamento sono inseparabili e, inoltre, vanno di pari passo. La vittoria di Joe Biden e Kamala Harris alle elezioni presidenziali negli Stati Uniti fa sperare che possiamo anche ricominciare da capo a livello internazionale per il multilateralismo, la protezione del clima e la cooperazione.

Il Das Progressive Zentrum per questi motivi, nonostante tutto, attende  con ottimismo un 2021 politicamente significativo. Seguiremo da vicino le prossime campagne politiche, creeremo spazio per dibattiti programmatici, formuleremo una serie di quadri politici, suggeriremo concetti politici orientati alla soluzione e continueremo a lavorare intensamente per rafforzare la democrazia liberale e la politica basata sull'evidenza. Continueremo il nostro lavoro dopo le vacanze, in pieno vigore e si spera con molti di voi. Fino ad allora, auguriamo a tutti i nostri amici un periodo di vacanze sereno e un buon inizio di un nuovo anno, si spera, sano.

Alessandra Servidori


21 Dicembre 2020
Powered by Adon