Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2
3 45 678 9
101112131415 16
17 18 1920212223
2425262728 29 30
31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

GOVERNO

Landini, crisi incomprensibile, serve responsabilità


"E' una crisi poco comprensibile. Non è quello di cui ha bisogno il nostro Paese, ma è necessario dare risposte alle persone. Mi auguro che chiaramente e in modo molto esplicito il Governo, le forze politiche e il Parlamento facciano una discussione per andare avanti. E' il momento della responsabilità". Così il leader della Cgil, Maurizio Landini, a Rainews 24 sulla crisi di governo.

Secondo Landini è "singolare" dare l'ok al recovery plan "per aprire una discussione nel Paese con il Parlamento e le forze sociali", annunciando che si voterà anche lo scostamento di bilancio, e "contemporaneamente dimettersi dal Governo".

Il numero uno della Cgil ha aggiunto che "bisogna dare risposte ai problemi delle persone e coinvolgere le parti sociali più di quello che è stato fatto fino ad ora. E' il momento di dare soluzioni ai problemi che le persone hanno: lavoro, salute, sicurezza. Non disperdere un'opportunità storica che abbiamo di fare finalmente quelle riforme e investimenti di cui il Paese ha bisogno da anni".

“Non siamo fuori dall'emergenza pandemica – ha concluso -  e, quindi, bisogna discutere come si proroga il blocco dei licenziamenti. Poi, bisogna andare verso una riforma degli ammortizzatori".

In merito al Recovery Plan, il leader della Cgil ha spiegato come "rispetto alle bozze circolate siamo di fronte a qualcosa di diverso che può essere un'utile base di confronto e discussione", ma "c'è bisogno che si attivi il confronto con le parti sociali. Ci sono ancora delle cose che vanno cambiate e migliorate - ha aggiunto - ci sembra ancora alta la parte degli incentivi e soprattutto bisogna definire i risultati attesi in termini di occupazione per giovani, donne e Mezzogiorno. Servono scelte che colleghino gli investimenti a una vera politica industriale".

TN


14 Gennaio 2021
Powered by Adon